Primarie Cremona. Gli appuntamenti della settimana di GALIMBERTI

Di seguito gli appuntamenti di questa settimana di Gianluca Galimberti.

Lunedì 10, ore 20 incontro al quartiere Cambonino

Martedì 11 ore 18 incontro con la FIAB, presso l’ufficio biciclette di piazza Roma

Mercoledì 12 ore 9 banchetto in corso Campi

ore 20.30 incontro a San Felice

Giovedì 13, ore 17.30 confronto sul Welfare, presso sala Bonfatti

ore 20.30 incontro sulle periferie e i quartieri, sala Ial-                           Cisl via Dante

Venerdì 14 incontro “alleanza contro la povertà”

Sabato 15, ore 9 banchetto in Corso Campi

ore 14 conf.stampa “Contratto di Fiume”                              con sindaco Piacenza, presso  Lungo Po Europa 5

Domenica 16 ore 16.30 incontro circolo Signorini via Castelleone

 

 

“Per un nuovo Welfare”. Molta gente all’incontro con Galimberti

Riscrivere il welfare  oggi, sì è certamente un imperativo imposto dalla drammaticità della crisi che ha investito il paese , ma è innanzitutto una sfida  culturale non rinviabile di fronte al crescente disagio economico, sociale, ma anche relazionale delle persone e delle famiglie.

In una affollata sala IAL si è tenuto venerdì sera il primo dei confronti tematici aperti , concepiti come contributo del PD  cittadino al programma del futuro sindaco della coalizione di centro sinistra, dedicato al welfare di comunità.

L’incontro, che ha visto la presenza di rappresentanti delle associazioni , dei sindacati e di  operatori del settore,  ha   focalizzato l’attenzione sul tema drammaticamente attuale della povertà .

Ha introdotto la serata Maura Ruggeri (capogruppo PD in consiglio comunale)  ha condotto il confronto Mauro Bettoni ( referente cittadino per il welfare) ed Andrea Virgilio ( capogruppo PD Consiglio Provinciale) ha elaborato il materiale di sintesi che sarà a disposizione degli interessati.

Il dibattito, che ha visto numerosi e puntuali  interventi  di approfondimento ,  è stato concluso da Gianluca Galimberti candidato sindaco della coalizione di Centro sinistra  alle primarie di Cremona 

Primarie segretario PD Lombardia. Le liste di Cremona per l’assemblea regionale

Di seguito pubblichiamo le liste per l’assemblea regionale, collegate a ciascun candidato alla segreteria regionale.

Per la provincia di cremona saranno 12 i membri dell’assemblea regionale.

#Lombardia2018 per Alessandro ALFIERI
  1. Cavazzini Ivana
  2. Capoani Federico
  3. Gritti Valentina
  4. Galletti Roberto
  5. Piloni Manuela
  6. Giroletti Mauro
  7. Bernardini Elena
  8. Lipara Luigi
  9. Destri Lisa
  10. Bassi Jacopo
  11. Ruggeri Caterina
  12. Fogliazza Michele
maipiùlontani#conDiana per Diana De Marchi
  1. Ceni Matteo
  2. Abbate Annamaria
  3. Di Rubbo Daniele
  4. Severgnini Livia
  5. Soldo Vittore
  6. Sessa Eleonora
  7. Vezzini Carlo
  8. Cesana Maura
  9. Tesini Paolo
  10. Sarti Maria Grazia
  11. Bertoli Giannino
  12. Mazzini Elvira

Pandino, dimissioni Dolini: “Scelta autonoma e personale”

La scelta di Donato Dolini, Sindaco di Pandino, non può essere giudicata senza considerare l’ampio e difficile quadro nazionale.

Proprio sabato scorso, a Cremona insieme al presidente dell’Anci Fassino, abbiamo condiviso le difficoltà vissute da chi amministra oggi i nostri paesi, abbiamo ragionato su possibili soluzioni e a gran voce continueremo a pretendere iniziative che portino a un serio cambiamento.

Sappiamo bene quanto sia gravoso amministrare oggi, alla vigilia di un appuntamento amministrativo importante come quello che ci attende a maggio, il Partito Democratico ne è pienamente consapevole.

Lo sappiamo perchè è sempre più difficile trovare persone disponibili a candidarsi, a dedicare il proprio tempo al bene comune, a servizio degli altri, sapendo che le soddisfazioni sono ben poche e i problemi, al contrario, molti.

Il gesto, quello di Donato, compiuto da chi vive la Politica come un impegno serio, faticoso e gravoso, merita rispetto seppur non condividendolo del tutto.

Ne capiamo però le ragioni, fin nel profondo.

E nel capirle siamo vicini a tutti quei sindaci che, ogni giorno, cercano di gestire al meglio le proprie comunità ed è per supportare e rispettare il loro impegno che non possiamo condividere la decisione di Dolini se non in una lettura di scelta personale ed autonoma.

Il gruppo consiliare di maggioranza del Gruppo Civico, che ha lavorato insieme a Dolini in questi anni, ha deciso di dimettersi insieme a lui per solidarietà, vicinanza e rispetto assoluto come avviene tra collaboratori onesti e leali.

Ora, Pandino, insieme a 91 comuni della Provincia, il prossimo maggio tornerà al voto, e potrà così riacquisire un nuovo slancio.

Tra le numerose persone che hanno lavorato insieme a Dolini in questi anni ci sono anche coloro che hanno dimostrato passione, acquisito competenza e maturato  voglia di fare nonostante tutto.

Le difficoltà sono molte e di molti, e questo lo sappiamo, come però molte sono le persone che vedono nell’impegno politico un servizio irrinunciabile.

 

Omar Bragonzi – coordinatore PD cremasco     Massimo Bonanomi – segretario circolo PD Pandino

Pandino, 6 febbraio 2014

Trenord, Alloni e Scandella (PD): “Basta fare scaricabarile. La Regione è responsabile dell’inefficienza del sistema”

“Trenord dimostra ogni giorno di più di non essere all’altezza del compito che inspiegabilmente la Regione ha deciso di affidarle per altri 6 anni. La vicenda della sospensione dal servizio dei cinque quadri per presunte irregolarità nella gestione dei turni e del calcolo degli straordinari è solo la punta di un iceberg di un sistema che necessita di essere profondamente cambiato. La Regione, che prima decide di riconfermare il contratto di servizio fino al 2020 e poi non perde occasione per fare scaricabarile, è responsabile dell’inefficienza di Trenord. Adesso pretendiamo che si faccia chiarezza su tutto e si prendano seriamente quei provvedimenti troppe volte annunciati da Maroni e dall’assessore Del Tenno e che poi si trasformano in benevoli pacche sulle spalle”. Lo dichiarano i consiglieri regionali del PD Agostino Alloni e Jacopo Scandella firmatari di un’interrogazione con risposta in Aula rivolta all’assessore regionale ai Trasporti Maurizio Del Tenno con la quale si chiede conto della vicenda dei rimborsi gonfiati dei cinque dipendenti di Trenord e, alla luce degli ultimi disservizi che hanno coinvolto la linea Milano – Treviglio – Verona, si chiede di aprire un confronto sulla possibilità di intraprendere strade alternative alla gestione unica del trasporto ferroviario regionale.

 

Cremona. Opere pubbliche. Manfredini: “La verità è che in questi anni Cremona ha perso progettualità, idee e slancio e bellezza”

Capisco che ormai si è già in campagna elettorale, ma solo per ripristinare un po’ la verità, ricordo come sono andate le cose, in particolare sui fondi FESR per la mobilità. Ad aprile 2010, il Comune di Cremona ottenne alcuni finanziamenti che riguardava ovviamente progetti predisposti dall’amministrazione precedente (stazione, riqualificazione urbana nell’ ambito dell’area della stazione. Costo totale 3.2 mln, contributo 1.3 mln, raddoppio tratta ferroviaria Cremona-Cavatigozzi, costo totale 29.2 euro, contributo 10 mln, potenziamento raccordi ferroviari aree del porto, costo 2.73 mln contributo 1.365 euro, Miglioramento del traffico periurbano della città: raddoppio della  carreggiata della Tangenziale di Cremona (via Mantova) e collegamento agli svincoli del casello  autostradale. Costo Totale 3.222.156 euro. Contributo 1.524.190 euro).

Come tutti sanno, la nuova giunta Perri decise subito di abbandonare il secondo step dell’accordo di programma firmato nel 2008 tra Comune, Rfi e Regione che prevedeva la realizzazione della struttura di interscambio per un costo di 4.8 mln di euro (1.481.182 a carico della Regione, 2.765.182 Comune di Cremona e 549.636 Provincia di Cremona) e perdere il finanziamento regionale. E di aspettare per intervenire sui passaggi a livelli.

Cosa che fece, soltanto dal 2010, dopo che furono messe a disposizione ulteriori risorse dalla Regione;  e grazie all’intervento del Presidente della Provincia Salini, la Provincia decise di orientarle per l’eliminazione dei passaggi a livello per il capoluogo di provincia. Progetti che l’Assessore Zanibelli dovrebbe sapere, erano già predisposti. già nella fase preliminare e sfrutto di accordi precedenti. Sul resto dei fondi, inutile confondere le idee, mischiare fondi privati con quelli pubblici. La verità è che in questi anni  Cremona ha perso progettualità, idee e slancio e bellezza. Tutte cose da recuperare presto.

Alessia Manfredini – Consigliere comunale

Basta aggressioni contro le donne

Le Donne democratiche esprimono indignazione per le offese e gli attacchi sessisti che stanno interessando le Donne impegnate nella politica, in particolare il Ministro Kyenge e, negli ultimi giorni, la Presidente della Camera Laura Boldrini, ma anche tante altre donne parlamentari, cui vogliamo dimostrare tutta la nostra solidarietà e vicinanza.

È stata mortificata la democrazia ed, ancora una volta, offesa la figura della DONNA.

L’esasperazione dei toni della dialettica politica, culminati nella protesta dei deputati del Movimento 5 Stelle alla Camera, si è spinta sino all’indecente utilizzo di insulti sessisti rimbalzati, senza freno, sui social network. Questa esasperazione rappresenta, a nostro avviso, l’ennesima manifestazione di una società che pone uomini e donne in una relazione di disparità e di conflitto, che non riesce, o non vuole, valorizzare il ruolo della donna riconoscendone le competenze, le sensibilità e i meriti, ma che, al contrario, considera la figura femminile una spettatrice inerte della vita pubblica, un soggetto incapace di assumere ruoli di rilievo, un facile bersaglio di “battute e allusioni” sessuali tutt’altro che simpatiche o ironiche per chi le riceve o di vere e proprie aggressioni e violenze psichiche e fisiche.

Con una società, purtroppo, ancora così “maschilista” c’è poco da stupirsi se in Italia le donne continuano a non ricoprire ruoli di rilievo in politica e nelle aziende o se c’è ancora chi picchia e usa violenza contro le donne.

La nostra società necessita di un forte cambiamento sul piano culturale e delle relazioni, bisogna fermare gli stereotipi di genere a valenza negativa, partendo da un uso adeguato e decoroso del linguaggio ed al fine di perseguire i principi di uguaglianza di genere e di rispetto della figura della donna. Gli esempi di cattiva educazione e di inciviltà, nella vita di tutti i giorni, sono numerosi, ma queste “aggressioni” a danno della donna sono ormai inaccettabili e richiedono manifestazioni plateali di sdegno e riprovazione.

Le donne e gli uomini nell’esprimere il loro impegno politico al servizio della comunità, in tutti i livelli, dal Parlamento al più piccolo Consiglio Comunale, devono avere non solo parità di accesso, ma anche parità di trattamento e di considerazione.

Le donne devono poter ricoprire ruoli politici liberamente senza ricevere allusioni, insulti sessisti o violenze. Di ciò ne siamo convinte Noi donne del PD, ma l’auspicio è che tutte le altre forze politiche, anche a livello locale, comprese le donne del Movimento 5 Stelle, manifestino la loro indignazione per dire BASTA alla violenza contro le donne in tutte le sue forme.

Il nostro impegno come Conferenza Donne del Partito Democratico della Provincia di Cremona continuerà, dentro e fuori le sedi istituzionali, per battere la violenza e promuovere una nuova cultura della civiltà fondata sulla libertà, il rispetto e l’autonomia femminile.

Elena Bernardini
Coordinatrice Conferenza Donne PD della Provincia di Cremona

Scegli il nome della nuova newsletter

Scegli uno tra i tre nomi quello che ti piacerebbe per la nuova newsletter del PD Cremona.

Quello che prenderà più preferenze sarà scelto come nome dal prossimo numero.

Cremona: il 23 febbraio primarie per la scelta del candidato sindaco

Domenica 23 febbraio si terranno le primarie per la scelta del candidato sindaco del centrosinistra.

I candidati che hanno deciso di partecipare, raccogliendo già le firme necessarie, sono:

La coalizione che promuove le primarie è costituita da: PD, SeL, PSI e Fare Nuova La Città.

Costituito anche il comitato organizzatore che ha il compito di organizzare il percorso delle primarie.

Fanno parte del comitato organizzatore: Giorgio Feraboli e Vera Castellani per il PD, Mario Penci e Ernesto Boccasasso per il PSI, Emilio Dioli e Elisabetta Cabrini per SeL e Lodovico Ghelfi e Michele Bufano per la lista civica Fare Nuova La Città.

In allegato il regolamento per la selezione della candidatura e la carta valori primarie.