Archivi tag: Congresso

Assemblea nazionale PD. Cremona presente!

Domenica 7 maggio si è tenuta a Roma la prima assemblea nazionale del PD dopo le primarie del 30 aprile, alla quale hanno partecipato anche i membri della federazione del PD cremonese: Matteo Piloni, Luca Burgazzi, Velleda Rivaroli, Leone Lise, Elena Bernardini e Greta Savazzi. Oltre ai parlamentari, anch’essi componenti dell’assemblea, Cinzia Fontana e Luciano Pizzetti.

“Si è trattato di un’assemblea della ripartenza, dove il territorio e l’Europa hanno trovato nelle parole di Renzi un ruolo centrale -dichiara il segretario provinciale Matteo Piloni – Un PD che vuole ripartire costruendo proposte politiche insieme ai territori, continuando un percorso di riforme sempre più necessarie per il Paese. In questi anni si sono fatte molte riforme per i cittadini, ma meno con i cittadini. Ed e’ da qui che si deve rafforzare il PD nel Paese, contribuendo a rafforzare l’idea di Europa”.

Primarie: ecco gli eletti all’Assemblea Nazionale PD in Provincia di Cremona

La commissione congressuale nazionale ha ufficializzato gli eletti all’Assemblea Nazionale del Partito Democratico, a seguito dei risultati delle primarie di domenica 30 aprile. Alla Federazione provinciale di Cremona spettano sei delegati: cinque sono stati attribuiti alla mozione Renzi e uno alla mozione Orlando. Ecco i nomi degli eletti:

  • Bernardini Elena (Mozione Renzi)
  • Burgazzi Luca (Mozione Renzi)
  • Lisè Leone (Mozione Renzi)
  • Piloni Matteo (Mozione Renzi)
  • Rivaroli Velleda (Mozione Renzi)
  • Savazzi Greta (Mozione Orlando)

La prima Assemblea Nazionale post-congresso si svolgerà a Roma domenica 7 maggio alle ore 10,00.

Primarie PD. Domenica 30 aprile 83 seggi in provincia di Cremona. Ecco dove si vota e come.

Domenica 30 aprile si svolgeranno le primarie del Partito Democratico per scegliere il segretario nazionale.

“In Italia ci sono tre principali forze politiche – dichiara il segretario provinciale Matteo Piloni –  Due di queste sono guidate da un capo che decide cosa si deve o non deve fare. La terza, il PD, chiede la partecipazione dei cittadini e  degli elettori, con l’unico scopo di rafforzare la Democrazia di questo Paese. Soprattutto per questo le primarie di domenica saranno un’occasione di democrazia e partecipazione, per rafforzare il PD e, di conseguenza, il Paese. Perchè solo con un PD forte si può cambiare il Paese. E fin da suibito il ringraziamento più forte va alle tante persone che domenica allestiranno i seggi per consentire lo svolgimento delle primarie e dare la possibilità al Paese di trascorrere una giornata di democrazia, con lo sguardo rivolto al futuro.”

INFORMAZIONI UTILI
I candidati sono tre: Michele Emiliano (solo in tre collegi a Milano, in quello di Como e in quello di Sesto/Cinisello), Andrea Orlando e Matteo Renzi. In provincia di Cremona, quindi, sulla scheda si avranno solo i nomini di ORLANDO e RENZI.

Si vota dalle 8 alle 20. Sarà possibile votare anche per chi, domenica 30 aprile, sarà fuori provincia: è necessario registrarsi sul sito entro le 12 di giovedì 27 aprile.

In Lombardia i volontari allestiranno oltre 1.250 seggi. Per trovare il tuo seggio puoi consultare il sito delle primarie: www.primariepd2017.it.

ECCO I SEGGI IN PROVINCIA DI CREMONA: SEGGI_PRIMARIE_PD_30_APRILE_2017
Le informazioni per il voto:
Chi può votare?
I residenti in Italia dai 18 anni in su nella propria città di residenza;
Residenti in Italia fuori sede (con registrazione al sito entro le 12 di giovedì 27 aprile)
I cittadini italiani dai 16 ai 18 anni (con registrazione al sito entro le 12 di giovedì 27 aprile)
I cittadini extracomunitari muniti di regolare permesso di soggiorno (con registrazione al sito entro le 12 di giovedì 27 aprile).

Cosa serve per votare?
Carta d’identità, tessera elettorale, contributo di 2 euro.

Come si vota
L’elettrice/elettore esprime il suo voto tracciando un unico segno su una delle liste di candidati all’Assemblea nazionale.

Primarie PD: si vota domenica 30 aprile. Ecco i seggi in Provincia di Cremona

 

Domenica 30 aprile in tutta Italia si terranno le primarie per scegliere il segretario e dell’assemblea nazionale del Partito Democratico. I candidati alla segreteria nazionale sono tre: Andrea Orlando, Michele Emiliano e Matteo Renzi.

“Dopo la prima fase che ha visto protagonisti gli iscritti del PD – dichiara il segretario provinciale Matteo Piloni – siamo al lavoro per l’organizzazione delle primarie di domenica 30 aprile. In provincia abbiamo organizzato 82 seggi, di cui 15 in città a Cremona e 6 a Crema, così da consentire la più ampia partecipazione possibile. Si tratta di un’occasione di democrazia e partecipazione che non ha eguali, e comunque vada, credo che potrà fare solo bene al Paese e anche al nostro territorio. Fin da subito il ringraziamento va alle decine di volontari che, ancora una volta, si mettono a disposizione per organizzare una bella domenica di democrazia. Durante i banchetti sarà anche possibile rinnovare la tessera o iscriversi per la prima volta al Partito democratico.”

Alcune informazioni utili

Alle Primarie potranno votare tutti i cittadini maggiorenni che si recheranno ai seggi dichiarandosi elettori del Partito Democratico e versando 2 euro come contributo a sostegno dell’organizzazione.

I cittadini stranieri con regolare  permesso di soggiorno e i ragazzi di età compresa tra i 16 e i 18 anni dovranno obbligatoriamente iscriversi presso il sito internet www.primariepd2017.it entro giovedì 27 aprile.

Gli iscritti al Partito Democratico sono automaticamente inseriti nell’albo degli elettori delle Primarie e non dovranno pagare il contributo di 2 euro. E’ però prevista per loro la possibilità di rinnovare la tessera per l’anno 2017 direttamente presso i seggi.

Ogni elettore dovrà recarsi presso il seggio di riferimento del proprio Comune o del proprio quartiere. Chi desidera votare “fuori sede” per motivi di studio, lavoro o vacanza deve obbligatoriamente iscriversi presso il sito internet www.primariepd2017.it entro giovedì 27 aprile indicando il seggio in cui si intende votare.

In Provincia di Cremona saranno allestiti 82 seggi. Scarica l’elenco completo: seggi_primarie_provincia_cremona_2017

PD Lombardia: il 30 aprile, insieme alle primarie, partirà anche la campagna per il tesseramento

Domenica 30 aprile, nei banchetti già allestiti in occasione delle primarie per le’elezione del segretario nazionale PD, sarà possibile anche rinnovare o richiedere la tessera per l’adesione al Partito Democratico per l’anno 2017. Si tratta di un’iniziativa promossa dal PD Lombardo, che è stata accolta favorevolmente da tutte le federazioni provinciali della nostra Regione.

Congresso PD: concluse le assemblee di circolo. In Provincia di Cremona hanno votato 762 iscritti: Renzi al 68%

Domenica 2 aprile si è conclusa la prima fase del Congresso del Partito Democratico, riservata alla discussione delle mozioni congressuali e al voto da parte dei soli iscritti. In provincia di Cremona si sono tenute 40 assemblee di circolo, che hanno visto la partecipazione di 762 iscritti. La mozione Renzi ha ottenuto 762 voti (pari al 68,3%), la mozione Orlando 228 voti (30,1%) e la mozione Emiliano 12 voti (1,6%). 12 le schede bianche o nulle.

Matteo Piloni, segretario provinciale PD ha così commentato l’esito delle votazioni: “Si sono conclusi gli incontri nei circoli per la discussione delle mozioni congressuali. Incontri che hanno visto la partecipazione di circa 800 iscritti in 40 incontri. Continuo a ritenere un fatto positivo quando le persone si trovano e discutono di Politica, di Futuro, di Paese. Al di là dei risultati. E continuo a pensare che un PD forte serva al Paese e all’Europa, e che una sinistra che si divide, il giorno dopo, non è più forte.
In Provincia di Cremona ha prevalso la mozione Renzi-Martina, con il 68%, in quasi tutti i circoli (35 su 40). Un risultato affatto scontato in una provincia dove 4 anni fa, nel congresso 2013, Cuperlo prese il 45% e Renzi il 39%. Ma indipendentemente da questo, il risultato più importante emerso da questi incontri è la richiesta di “unità”, condizione necessaria per il PD e per contribuire alla tenuta democratica del nostro Paese. Un ringraziamento va ai tanti iscritti che hanno partecipato, ai rappresentanti delle mozioni e alla commissione congressuale che ha consentito il regolare svolgimento delle convenzioni”.

Appello dei sostenitori di Matteo Renzi e Maurizio Martina: uniti e plurali si può!

Ecco l’appello dei sostenitori della mozione Renzi-Martina tra gli iscritti PD della federazione provinciale di Cremona:

Il tema che deve essere posto al centro del Congresso è quale dovrà essere il ruolo del Partito Democratico nella fase che il nostro Paese sta attraversando. Le prossime elezioni politiche, l’impegno del governo dal 2013 in avanti, i pericoli del populismo e delle diverse facce che assumono le destre nel Paese sono ben visibili davanti a noi. Il rischio di un dibattito che si concentri soprattutto sulle qualità personali dei candidati è alto, ma dobbiamo rompere questo schema se dobbiamo fare una discussione utile, che parli al Paese e a noi stessi. Non crediamo all’azione salvifica di un singolo leader: occorre assumersi una responsabilità diffusa, eleggere un gruppo dirigente plurale e leale per rilanciare il Partito, coinvolgere militanti ed elettori, offrire una prospettiva al Paese.

Il Partito Democratico nasce con l’orgoglio di ereditare le grandi storie politiche popolari del Novecento che hanno fatto la Resistenza e costruito la Repubblica, e nasce con l’obbiettivo di sviluppare un pensiero nuovo per la sinistra del XXI secolo. Non vogliamo tornare indietro, vogliamo finalmente essere fino in fondo il Partito Democratico. Questo significa inventarsi un modo del tutto nuovo di essere partito oggi, per superare i limiti sempre più gravi della forma novecentesca e per organizzare di nuovo la partecipazione dei cittadini. Significa valorizzare il prezioso lavoro degli amministratori locali e insieme a questi costruire le politiche da portare avanti nelle diverse istituzioni. Significa affrontare il tema delle sempre più inaccettabili disuguaglianze, significa rilanciare il sogno di una integrazione europea per un’Europa della solidarietà e dei diritti, significa aggregare le giovani generazioni e appassionarle alla politica, significa promuovere la tutela ambientale, significa riscoprire un Partito che sappia unire e coinvolgere quanto di buono c’è al di fuori di noi.

Abbiamo ragionato su come fosse meglio affrontare questa fase congressuale, mettendo in gioco le nostre bio-grafie e il nostro impegno per contribuire in modo utile agli obbiettivi in cui crediamo e della funzione storica che vogliamo collettivamente svolgere. Abbiamo deciso di sostenere al congresso Matteo Renzi e Maurizio Martina come figure di riferimento di un gruppo di persone impegnate a vari livelli nel PD che in provincia di Cremona, in Lombardia, in Italia hanno condiviso alcune battaglie politiche, alcune priorità, alcuni risultati. In coerenza con il percorso di questi anni e andando oltre, riteniamo che questa sia la scelta giusta per un Partito Democratico che si presenti più forte alle elezioni nel 2018, rivendicando la faticosa azione di governo di questi anni e correggendo quello che non ha funzionato: e, controcorrente rispetto alla tendenza diffusa di creare correnti chiamandole con il nome del capo, vogliamo fare una battaglia di rottura che metta il pluralismo davanti ai personalismi, e ponga al centro della discussione i problemi del Paese e la prospettiva sul futuro.

 

Congresso PD: dal 20 marzo al 2 aprile si terranno 40 assemblee di circolo in Provincia di Cremona

Il congresso del Partito Democratico entra nel vivo: dal 20 marzo al 2 aprile si terranno gli incontri nei circoli sul territorio con la presentazione e la votazione sulle mozioni da parte degli iscritti al partito. In Provincia di Cremona verranno organizzate 40 assemblee, che coinvolgeranno tutti i circoli territoriali presenti sul territorio e nella città capoluogo. Gli iscritti saranno chiamati a votare i documenti collegati alle candidature a segretario nazionale (Michele Emiliano, Andrea Orlando e Matteo Renzi) e ad eleggere i delegati alla convenzione provinciale PD, che si terrà mercoledì 5 aprile presso la sala Zanoni a Cremona.

Ecco l’elenco completo delle assemblee di circolo in Provincia di Cremona: Calendario Congressi PD 2017.

Successivamente il percorso congressuale proseguirà con lo svolgimento della convenzione nazionale programmatica nella giornata di domenica 9 aprile.   Le primarie per la scelta definitiva del segretario nazionale, aperte alla partecipazione di iscritti ed elettori, si terranno domenica 30 aprile 2017. Per partecipare sarà sufficiente versare due euro e dichiarare di essere un elettore del PD.

Pizzetti al Lingotto:”Con Renzi e Martina per trovare le ragioni di un impegno che ci accomuna.”

Di seguito pubblichiamo l’intervento di Luciano Pizzetti al Lingotto a Torino, a sostegno di Matteo Renzi e Maurizio Martina.

“Noi siamo qui dopo vittorie e sconfitte per superare limiti ed errori. Per dare corpo a un progetto di trasformazione incisivo e inclusivo. Direi per aggiornare il profilo politico del PD, facendone la dorsale del sistema democratico riformato e di un centrosinistra attraente.

Matteo Renzi ha scrollato l’albero di una struttura Paese incistata da conservatorismi, caste e oligarchie. Radicata in un riformismo proclamato e raramente praticato. È caduto anche qualche frutto sanno che sarebbe stato ben meglio non cadesse. Ma il progetto di liberare il Paese da ciò che Guido Carli definì lacci e lacciuoli non deve essere abbandonato. Altrimenti non recupereremo mai il gap di crescita che ci separa dal resto d’Europa. Per colpa nostra non dell’Europa. Con questi lacci non ci sarà crescita, non ci sarà inclusione, non ci sarà eguaglianza. Questa era la ragion d’ essere del PD dieci anni fa. Va ribadita oggi dallo stesso luogo. In un Occidente in cui la globalizzazione ha generato nuovi poveri in balia di populismi e sotto attacco dei fondamentalismi.

Contrariamente a ciò che sostengono alcuni che si sono purtroppo separati da noi, è la destra che esiste in natura non la sinistra. La sinistra nasce per contrastare e contenere ciò che un tempo si chiamava darwinismo sociale. Per promuovere inclusione. Perciò è colpa grave dividere e scindere, rinunciando a far vivere il pluralismo dentro di noi. Un grande italiano di questa città, Norberto Bobbio, ventitré anni fa scrisse un libro significativo, DESTRA E SINISTRA. Metteva in luce le radicali differenze tra le due nozioni socio-politiche. A chi si è separato da noi, ma penso anche ad alcuni di noi, sarebbe utile una rilettura di quel testo. Per aggiornare mappa e coordinate. Per scoprire che pur con errori evidenti questo Pd non ha smarrito la via.

Renzi ha compiuto diversi errori di approccio e di valutazione. Il quaranta per cento alle europee non era un’ investitura diretta ma la richiesta di aiuto di un popolo smarrito. Il referendum sulle trivelle non era un un atto contro la modernità ma un appello contro la globalizzazione che intimorisce. Il referendum costituzionale è passato per il suo contrario: una compressione di partecipazione e democrazia anziché la valorizzazione di entrambe. Un di meno invece che un di più. Errori politici che trovano origine nella ricerca di una relazione diretta tra leader e popolo, saltando tutto ciò che sta nel mezzo. Ma così il leader si fa popolo a caro prezzo e il popolo non si fa nazione. Ciò che sta nel mezzo in passato spesso ha generato concertazione e consociazione. Oggi deve indurre partecipazione e condivisione. Il salto produce lacerazioni e sconfitte, soprattutto in tempo di crisi. Soprattutto in un Paese a fragile tenuta, caratterizzato da una commistione tra conservatorismo di massa è riformismo virtuale che passa con troppa nonchalance da Piazza Venezia a Piazzale Loreto. È il riformismo a non essere un pranzo di gala, altro che rivoluzione. Perché la ragione non sempre sta con la maggioranza, ma senza maggioranza la ragione è irragionevolezza. Perciò non basta un leader illuminato e determinato. Serve una comunità. Serve un corpo partecipe, non un’intendenza che segue. Convinto e dunque convincente. Insomma serve un partito.

Ma di cambiamenti veri sono ricche le pagine dell’agenda di questi tre anni, seppur in condizioni proibitive data l’assenza di una maggioranza di Governo lineare e il permanere di un debito pubblico altissimo. Dunque la domanda di fondo è: al netto degli errori l’azione riformista immaginata e perseguita in questo tempo è servita e serve al Paese? Io penso sia servita e serva moltissimo. È la ragione per cui persone come me sono qui e non altrove. Io che non sono mai transitato dalla Leopolda penso che si possa andare oltre il Lingotto senza passare per Bad Godesberg. Noi dobbiamo impedire che la vittoria del no tiri il sipario sul cambiamento del sistema politico e istituzionale. Senza quel cambiamento è complicato governare l’economia e combattere le diseguaglianze. Trasformazione istituzionale inclusione sociale sono le due facce di una medesima medaglia. Quella medaglia si chiama civiltà democratica. Una grande cultura socialista, poi purtroppo perdutasi nei miasmi della questione morale, in quattro parole definì un progetto strategico: PROMUOVERE I MERITI E AFFRONTARE I BISOGNI. Da lì occorre ripartire. Non si può senza politica e senza cambiare la politica. Non si può senza Europa e senza cambiare l’ Europa. Non si può senza partecipazione e senza cambiare la Repubblica.

In questi anni ci abbiamo provato. Alcuni risultati sono venuti. Se Renzi non li rivendicasse sarebbe omissione di verità. Gli errori possono offuscare i risultati ma non cancellarli. È in corso un poderoso tentativo di ripristino dell’Ancien Régime. Con lo scopo di affrontare i populismi si fanno morire le diversità e le alternanze. Il ritorno al proporzionale della Prima Repubblica sarà l’asfissia della democrazia e non fermerà i populismi. Un ritorno oltretutto imperniato su partiti non più partiti, sradicati socialmente e spesso ridotti a grumi di potere. Occorre evitare assolutamente l’ inversione di rotta e portare a compimento una riforma elettorale e un impianto costituzionale di stampo maggioritario e diretto. La governabilità non è la negazione della democrazia ma il suo compimento nella libertà. Con un sistema equilibrato di pesi e contrappesi. Anche da qui può muovere un nuovo e moderno centrosinistra. Spero che dalle imminenti elezioni francesi venga una poderosa testimonianza a sostegno di queste esigenza italica.

Questo luogo, ciò che ne uscirà in termini di progetto, di visione costituisce ad oggi l’unico argine alla deriva. Dobbiamo raccontarlo. Per unire, dopo e oltre il quattro dicembre, chi convintamente ha votato sì e diversi che pur votando no non hanno smarrito le ragioni del cambiamento. Per questo il combaciare di Segretario e candidato leader non è velleità o carta straccia. È un vero combinato disposto sostanziale. È un’idea di democrazia repubblicana per riconnettere istituzioni e popolo. In questa resistenza che è speranza c’è voglia di futuro. C’è un’ idea di partito. C’è un’idea di Italia. E la stabilità potrà essere qualcosa di più della paura del voto che sorregge l’attuale continuità parlamentare. Dunque niente paura come cantava Ligabue. Non stiamo andando contro il muro come diversi commentatori interessati e rassegnati ci dicono. Stiamo cercando di evitare che la breccia si chiuda. Non serve per questo coraggio, serve responsabilità verso il Paese e convinzione nei valori che ci hanno portati qui. Valori non di ex, non di post ma di gente presente che incarna le ragioni di un impegno che ci accomuna. ”