Autonomie Locali e Sicurezza. Piloni:”Grande attenzione all’Area Vasta”.

Una proposta molto semplice: lavorare con determinazione sulla Riforma dell’Area Vasta, ragionando in ottica di aree vaste omogenee, garantendo a queste aree i servizi e i presìdi di sicurezza necessari.

Il decreto che prevede la soppressione di 23 prefetture, 23 comandi di vigili del fuoco e 23 questure è figlio della Spending Review portata avanti dal Governo Monti.
Se la Riforma Delrio è la bussola del Governo Renzi e del PD, allora è nel solco di questa Riforma, e della nuova legge sulla Pubblica Amministrazione portata avanti dal Ministro Madia, che si deve ridisegnare lo Stato e le sue Funzioni. Non il contrario.

Lasciando perdere battaglie campanilistiche, dobbiamo capirci su un punto. Se le Province non ci sono più e devono essere “disegnate” le aree vaste con le relative funzioni, che senso ha continuare ad accorpare o sopprimere presìdi, funzioni e altro nella logica dei vecchi confini provinciali o, peggio ancora, senza ancora aver chiari i confini e le funzioni delle nuove aree vaste?

In tema di sicurezza, i territori hanno bisogno di presìdi operativi, al di là del fatto di dove saranno ubicati i “comandi”.
Mettiamo in sicurezza, i servizi, semmai potenziandoli, attraverso il rilancio dalla Provincia all’Ente di Area Vasta.
C’è la riforma Delrio che attende da un anno, la Regione faccia la sua parte.

E’ su questo punto che va aperto un confronto serio, anche a livello territoriale. Come Pd lo stiamo facendo. E Cremona può giocare un ruolo strategico in questa partita.

Matteo Piloni
segretario provinciale PD

Caccia ALLONI (PD): “RESPINTO L’EMENDAMENTO PER LA CACCIA LIBERA SUL TERRITORIO CREMONESE”

L’emendamento che apriva alla caccia libera la provincia di Cremona è stato respinto, oggi, mercoledì 30 settembre 2015, in VIII Commissione Agricoltura del Consiglio regionale, nell’ambito della discussione della legge di semplificazione.
“Per ora abbiamo fermato l’invasione di cacciatori da fuori provincia, ovvero una decisione inammissibile che ha portato anche la maggioranza a spaccarsi”, commenta subito dopo il voto Agostino Alloni, consigliere regionale del Pd.

L’emendamento del relatore, il consigliere bresciano della Lista Maroni Alessandro Sala, “voleva introdurre, per chi effettua la caccia da appostamento fisso, la possibilità di cacciare la migratoria per 10 giornate in tutti gli ambiti territoriali della Lombardia senza controllo e senza il pagamento di nessuna imposta”, spiega Alloni.

“Non posso che essere soddisfatto che questa inaccettabile posizione sia stata fermata, considerato poi quanto ci siamo battuti in Commissione per non far approvare un emendamento che metteva a rischio la possibilità di una attività venatoria programmata, controllata e in sintonia con l’ambiente – continua Alloni –. Abbiamo anche consultato i portatori di interesse che si sono detti fortemente contrari. Questo perché oggi c’è un equilibrio che verrebbe meno soprattutto per le province del sud della Lombardia e non permetterebbe agli ambiti territoriali di controllare l’indice di densità venatoria, come previsto dalle leggi regionali e nazionali”.

Taraschi, PD casalasco:”Costruiamo l’Asst dell’Oglio Po.”

Di fronte alle varie prese di posizione apparse sui giornali in tema di Riforma Sanitaria Lombarda il PD CASALASCO intende esprimere la propria posizione con alcune brevi considerazioni.

Il territorio dell’Oglio Po è sicuramente il più penalizzato dalla Legge n.83 “Evoluzione del sistema socio sanitario lombardo” ed è riduttivo considerare l’Oglio-Po una terra di confine anziché un territorio omogeneo nelle sue peculiarità culturali sociali ed economiche

Fin dall’approvazione della Legge regionale n.83 il PD CASALASCO si è attivato a sostegno della proposta di costituzione di un Ambito distrettuale OGLIO PO e continua a sostenere la necessità di presentare un Progetto di riorganizzazione distrettuale condiviso da tutto il territorio e quindi da tutti i sindaci.

L’individuazione dell’Asst di riferimento di questo ambito distrettuale ( Cremona o Mantova) non può essere elemento di divisione poiché l’obiettivo da raggiungere è il potenziamento dei servizi sanitari, socio sanitari e sociali e il superamento delle criticità degli Ospedali di tutto il territorio Oglio-Po.

In definitiva l’obiettivo è quello di garantire ai cittadini dell’area Oglio-Po livelli elevati di assistenza e di integrazione delle funzioni sanitarie e socio sanitarie con le funzioni sociali.

Il PD CASALASCO auspica che la sanità sia soltanto il primo tema che unisce gli intenti e i progetti in una nuova visione del territorio. Un territorio, quello dell’Oglio Po, che progetta il suo futuro in termini di Area vasta e non più di confini provinciali che non avranno più ragione di esistere.

PD CASALASCO
Serenella Taraschi

Pubblica Amministrazione. Incontro con il Ministro Madia. Giovedì 8 ottobre, Cremona

La Federazione del PD di Cremona organizza un incontro pubblico con il Ministro della Pubblica Amministrazione marianna Madia.
L’incontro si svolgerà giovedì 8 ottobre alle ore 21 presso il Teatro Monteverdi di Cremona, in via dante.

Interverranno anche il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, il sindaco di Crema Stefania Bonaldi, il presidente dell’Area Vasta Carlo Vezzini, il presidente del dipartimento Piccoli Comuni di Anci lombardia Michel Marchi.

Il volantino: Madia_8_ottobre

Il capolavoro della Lega che penalizza gli albergatori per colpire i migranti

Per cercare di colpire chi scappa da guerre e persecuzioni si finisce per penalizzare gli operatori alberghieri lombardi che rispondono a una richiesta di collaborazione del Ministero dell’Interno.

E’ quanto voluto questa settimana dalla maggioranza di Lega Nord Padania, Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale e Forza Italia, supportati dal Nuovo Centrodestra, in Regione Lombardia: una norma che nega i contributi regionali alle strutture ricettive alberghiere e non alberghiere che negli ultimi tre anni abbiano ospitato dei profughi.

La politica, quella seria, dovrebbe sapersi fare carico delle preoccupazioni dei cittadini, non cavalcarle.

E un esempio di serietà lo stanno dimostrando quei sindaci che, anche in questi giorni, sono al lavoro per redigere un accordo con la Prefettura per gestire al meglio l’accoglienza dei profughi.
Ci sono in gioco valori e principi, e il centrodestra ha trovato un compromesso non sulle politiche ma sui valori. E su questi non si può negoziare.

La Lega ha compiuto un grande capolavoro: per cercare di colpire chi scappa da guerre e persecuzioni finisce per penalizzare gli operatori alberghieri lombardi che assolvono a una funzione sociale rispondendo ad una richiesta di collaborazione del ministero dell’Interno.

Un atteggiamento che punta solo ad avvelenire il clima, soffiando sui sentimenti della paura, senza mettere in campo alcuna azione risolutiva ed efficace ma che, al contrario, rischia solo di peggiorare la già difficile situazione. A danno di tutti. Cittadini in testa.

Matteo Piloni, segretario PD Cremona