Archivi tag: lettera agli iscritti

Lettera aperta del segretario provinciale PD Matteo Piloni ad iscritti e amministratori locali: “Ci aspettano settimane ricche di impegni”

Il segretario provinciale del Partito Democratico Matteo Piloni ha scritto una lettera aperta ad iscritti e amministratori locali della Provincia di Cremona. Ecco il testo integrale:

Carissimi,
conclusa l’estate e la fase delle nostre Feste de l’Unità, per le quali ringrazio di cuore i tanti volontari che anche quest’anno hanno consentito lo svolgersi delle nostre feste, ci aspettano settimane ricche di impegni.

Il primo appuntamento per il quale dobbiamo cocnentrarele nostre forze è la manifestazione del prossimo 30 settembre a Roma. Non sarà la solita manifestazione!  Il Governo Lega-Cinque Stelle sta soffiando sulla propaganda e facendo leva sulle paure, raccogliendo, purtroppo, consenso. Ma i problemi non si stanno risolvendo, anzi! Questa manifestazione dovrà essere il primo vero appuntamento di opposizione a questo Governo, e aprire una nuova fase nella quale costruire l’alternativa progressista e democratica alla deriva sovranista che sta soffiando in Europa.
 
 Appena avremo ulteriori notizie organizzative vi informeremo, ma intanto occorre iniziare a lavorare per le adesioni, in ogni circolo. Anche in base alle adesioni che riusciremo a mobilitare potremo valutare il mezzo più adeguato per raggiungere Roma dalla provincia di Cremona. Sicuramente organizzeremo un Pullman, e stiamo vedendo se dal regionale verrà messo a disposizione un treno. Cominciamo comunque a raccogliere le adesioni, e per questo vi invito a contattare le sedi di Cremona (Tel. 0372-49591, mail: info@pdcremona.it) e Crema (tel. 0373-200812, mail: info@pdcrema.it).

Dopo la manifestazione il nostro impegno riguarderà la fase congressuale che interesserà i circoli, la nostra federazione provinciale e il livello regionale. Tra fine ottobre e novembre saremo quindi impegnati al rinnovo degli organismi, passaggio molto importante sia dal punto di vista politico che organizzativo. Il congresso nazionale si terrà invece nei primi mesi del 2019, prima delle elezioni europee.

Terminata questa fase, la nostra attenzione sarà massima per seguire e affrontare, oltre alle elezioni europee, i tanti rinnovi amministrativi che ocinvolgono la maggior parte dei Comuni. Oltre alle elezioni provinciali (probabilmente il 31 ottobre e solo per il rinnovo del consiglio provinciale) circa 80 comuni andranno al voto nel 2019. Inutile dire che si tratta di un passaggio importante per gli equilibri e le dinamiche politiche dei nostri territori.

Come vedete le questioni sul tavolo sono molte. Non mancheranno gli incontri e i confronti sui tanti temi che abbiamo di fronte. Facciamoci trovare preparati!

Un caro saluto
Matteo Piloni
Segretario provinciale PD Cremona 

Elezioni regionali: lettera di Matteo Piloni agli iscritti PD di Cremona

Matteo Piloni, segretario provinciale del Partito Democratico e candidato al consiglio regionale, ha inviato una lettera a tutti gli iscritti PD della Provincia di Cremona. Ecco il testo integrale:

Come sai il prossimo 4 marzo si terranno sia le elezioni politiche che quelle regionali. Per la prima volta dopo più di quattro anni non ti scrivo questa lettera in qualità di segretario provinciale bensì come uno dei candidati del PD di Cremona al consiglio regionale. 

In questi lunghi anni, anche grazie al tuo sostegno e alla tua passione, abbiamo affrontato tante sfide. L’esito delle elezioni del 2013, la difficoltà del passaggio dell’elezione del Presidente della Repubblica, il congresso, il governo Renzi, le amministrative e le europee del 2014, il referendum del 4 dicembre 2016, le dimissioni di Renzi e il Governo Gentiloni. E poi tutto il lavoro sul territorio passando dalla vittoria dei comuni di Cremona e Crema, ma anche quelli di Soresina e Gussola solo per citarne alcuni. La “novità” delle province dopo la Legge Delrio, la costituzione dell’unica società dell’acqua in Provincia, il difficile rapporto con la Regione.  

L’elenco è davvero lungo, ma non voglio annoiare con quanto fatto perché, credo, ne siamo tutti consapevoli. Inutile anche dirvi che sono stati anni davvero impegnativi, in un contesto politico molto complicato. In questi anni ho girato la provincia in lungo e in largo. Ho partecipato a tanti incontri nei circoli, ho conosciuto tante compagne e amiche, tanti compagni e amici che prima non conoscevo e che, in ogni passaggio, anche il più complicato, mi hanno insegnato molto. E credo che questa sia la cosa più importante per chi fa Politica. Non è mai tempo perso. Anzi. E’ un’occasione di crescita straordinaria. E se oggi mi affaccio a questa nuova e difficile sfida, lo faccio con tutta la passione di cui sono capace e di tutta l’esperienza che questi anni mi hanno dato.

Le elezioni regionali non sono una partita semplice. Maroni non si candida, ma questo non deve farci abbassare la guardia. Se il centrodestra governa la regione da 23 anni un motivo c’è. Giorgio Gori, il nostro candidato, è la persona giusta per affrontare questa sfida.  Un voto al PD è un voto a Giorgio Gori. Un voto ai nostri candidati è un voto a Giorgio Gori. Io sono uno di questi candidati. Ho voglia di mettermi in gioco, ancora una volta, per portare in Regione quello che ho imparato in questi anni. Mi piace mettermi a disposizione, dare una mano,dare risposte e provare a trovare soluzioni. Per me la Politica è questa.  

Se vorrai darmi una mano, ti lascio i miei riferimenti così da potermi contattare al numero cell. 3351461860  oppure via email: matteo.piloni@pdcrema.it comitatomatteopiloni@gmail.comTi segnalo anche la mia pagina facebook così da seguire tutte le attività delle prossime settimane: https://www.facebook.com/MatteoPiloniInRegione/?pnref=story

Oltre a me, per ora, sono candidati anche Luca Burgazzi e Francesco Pontiggia. Nei prossimi giorni la lista si chiuderà con una quarta candidatura femminile perché, come sai, la lista è composta da 4 candidati, due uomini e due donne, così da consentire la doppia preferenza. Una modifica alla legge elettorale fortemente voluta dal PD. Se mi candido lo faccio per essere eletto, ovviamente. Ma ciò che conta è dare una mano al PD e a Giorgio Gori. Per mandare a casa una destra che ha dimenticato i nostri territori e provare a cambiare musica ad una Regione che può fare di più e meglio. Per questo…diamoci da fare!!

Un abbraccio,

Matteo Piloni

La lettera del segretario provinciale PD Matteo Piloni agli iscritti

LETTERA AGLI ISCRITTI – 9 giugno 2016

Carissim*
domenica anche nella nostra provincia si sono tenute le elezioni amministrative in 14 comuni. Un appuntamento importante che ci ha visto ottenere un buon risultato, frutto dell’impegno e del lavoro messo in campo nei mesi scorsi, e che segue il risultato ottenuto nelle elezioni del 2014. Spino d’Adda, Piadena, Pieve San Giacomo, Campagnola Cremasca, Sesto ed Uniti, Rivolta d’Adda, Pianengo e Cremosano.

Otto comuni importanti in cui ha vinto il candidato e la lista sostenuta dal PD.

Otto comuni che contribuiscono ad arricchire la rete di amministratori nei nostri territori e, di conseguenza, le nostre responsabilità. Sette di questi sono una riconferma, mentre Spino d’Adda torna al centrosinistra dopo cinque anni.

L’unica eccezione riguarda Pizzighettone dove la lista sostenuta dal PD “Pizzighettone chiama”, con il nostro candidato Bruno Tagliati, non ha avuto il risultato sperato e che invece meritava, visto il gruppo e il progetto messi in campo.
Per adesso, a chi si è messo a disposizione per il territorio, va il mio e il nostro ringraziamento più sincero, ben consapevoli che il loro impegno non termina qui.
A tutti i sindaci eletti i nostri complimenti per il risultato ottenuto e i nostri migliori auguri di buon lavoro, nell’interesse del territorio. Un lavoro per il quale troveranno sempre nel PD un solido punto di riferimento per affrontare i tanti temi sul tavolo. Una responsabilità che sentiamo sulle spalle ogni giorno e per la quale, a volte, mi chiedo se siamo in grado di sostenere.

Il tempo che stiamo attraversando, e le sfide che abbiamo di fronte, non sono affatto semplici.
In questi anni, oltre ad aver affrontato gli appuntamenti amministrativi, abbiamo preso in mano partite territoriali molto importanti. La Costituzione dell’unica società pubblica per la gestione del servizio idrico integrato; il percorso di aggregazione tra Lgh e A2A, le due aziende più importanti della Lombardia per quanto riguarda la gestione dei servizi; la Riforma della sanità portata avanti dalla Regione, il mantenimento dell’autonomia dell’Ospedale di Crema e, in questi giorni, l’impegno della regione sul potenziamento del POT – Nuovo Robbiani di Soresina; le difficoltà legate all’arrivo dei Profughi; la riforma Delrio con la trasformazione della Provincia in ente di secondo livello. Tutto questo attraverso un quotidiano lavoro al fianco dei nostri amministratori.
Allo stesso tempo, in questi 3 anni, abbiamo lavorato anche a rafforzare la presenza del nostro partito nei territori, con il percorso di costituzione dei circondari che nei prossimi giorni si concluderà con la costituzione dell’ultimo circondario, per il quale molte persone hanno e stanno dedicando tempo e impegno: quello cremonese. Un percorso che ha l’obiettivo di radicare il PD nei territori, mettere i circoli nelle condizioni di svolgere al meglio le proprie funzioni, e che deve proseguire con sempre maggior determinazione.
Un lavoro affatto semplice, che aveva e ha tutt’ora come obiettivo principale quello di “tenere insieme”, creare occasioni nelle quali gli iscritti e i simpatizzanti possano trovarsi ed uscire da quell’isolamento in cui, circoli troppo piccoli per numero di iscritti, rischiano di incappare.
Perché è solo tenendo insieme che si può e si riesce a costruire. Ma tenere insieme non significa ingabbiare o frenare. Significa prima di tutto saper ascoltare le ragioni delle diverse posizioni: da quelle politiche a quelle territoriali.
E’ con questo spirito che lo spazio della riforma Costituzionale, con la creazione delle aree vaste, può e deve essere affrontato. Riempiendo di contenuti questi spazi e immaginando lo sviluppo dei territori. Non contro qualcuno, ma a favore.
L’area vasta porta con sé certamente problemi, ma anche nuove opportunità. L’eliminazione delle province porta con sé l’opportunità e la difficolta allo stesso tempo di guardare ai nostri territori per ciò che sono realmente. Significa focalizzare l’attenzione sull’idea di sviluppo che abbiamo e che serve, e non su quali o da quali confini partire.
Dire che Crema gravita su Milano, Lodi o Treviglio è la stessa cosa che dire che Cremona guarda a Piacenza, o una parte del casalasco a Parma o Mantova. E’ la geografia dei nostri territori, la loro storia, le loro relazioni. Ogni territorio le ha. Soprattutto in una provincia come la nostra, lunga e stretta. Sta a noi capire come gestire questo processo, nuovo, difficile e complesso.
Pensare all’omogeneità dei nostri territori non significa indebolimento o frammentazione. Al contrario significa costruire le condizioni per uno sviluppo sul piano economico, produttivo, sociale, infrastrutturale. Significa immaginare una nuova gestione del territorio, che deve puntare sull’efficacia e sull’ efficienza, in termini concreti, reali, per dare risposte ai cittadini e allo sviluppo dei territori.
E’ con questo spirito che ci si deve muovere e che si deve vedere il protagonismo dei territori. Non si deve fare confusione. Non serve a nessuno creare caricature secessioniste che non esistono.
In questi ultimi due anni abbiamo vissuto la fase di transizione nella quale le vecchie province si sono trovate con l’approvazione della Legge Delrio.

In questo contesto voglio ringraziare Carlo Vezzini che, mettendosi a disposizione, ha ricoperto fino ad oggi il ruolo di Presidente della Provincia. Un ruolo non facile, che ha vissuto anche con quella solitudine che ha e sta caratterizzando questa transizione.
Una delle prime cose che Vezzini mi ha chiesto, appena eletto segretario, è stata quella di far sentire il Partito al fianco degli amministratori. In questi anni ci ho provato, e insieme agli amministratori abbiamo seguito tante partite come quella del servizio idrico, ad esempio. Ma poi anche l’Area Vasta, che ancora stiamo seguendo essendo stati tra i primi, in Regione, ad aver condiviso un ampio documento. Un rapporto che è stato utile e salutare anche all’interno del consiglio provinciale, dove l’unanimità su tanti temi ha prevalso, dimostrando la volontà di lavorare insieme per il territorio. Oltre a Vezzini il ringraziamento va a tutti i consiglieri provinciali che si sono messi a disposizione e in particolar modo a Davide Viola che, con l’incarico di vice Presidente, guiderà l’ente per i prossimi mesi.
Ed è sempre con questo spirito e in quest’ottica che in tre anni abbiamo promosso ben tre corsi di formazione, due dei quali dedicati proprio agli amministratori, mentre il terzo, che si sta concludendo in questi giorni, ha focalizzato l’attenzione sulla comunicazione, strumento importante anche in Politica.
Ma la Riforma Costituzionale, il cui esito dipenderà dal risultato del referendum di ottobre, è molto altro. E’ soprattutto la possibilità di continuare quel processo di riforme innescato dal Governo Renzi, secondo il mandato dell’ex Presidente della Repubblica al Parlamento che, nel 2013, gli aveva chiesto di rimanere. E’ la possibilità di rafforzare la nostra credibilità verso un’Europa con la quale abbiamo preso impegni chiari anche sul debito pubblico.
In gioco, dunque, non ci sono i destini personali di Renzi o della Boschi. In gioco non c’è solo il futuro del PD. Sul tavolo c’è la credibilità di un Paese che passa, inevitabilmente, dalla sua capacità di portare avanti le riforme. Di questo e di altro dobbiamo parlare, entrando nel merito della Riforma, dei suoi punti di forza e senza nascondere i suoi punti deboli, nella consapevolezza che non esiste la “riforma perfetta”.
Da più di trent’anni tutte le forze politiche concordano sull’esigenza di riformare il Parlamento. C’è un mezzo sicuro per delegittimare le Istituzioni: continuare a parlare di Riforme senza realizzarle.
Il nostro Paese solo adesso sta tentando di uscire da una crisi profonda e ha bisogno di Istituzioni più efficienti e all’altezza delle sfide che ci pongono l’economia globalizzata e le stesse difficoltà dell’Unione europea. Ed è per questi motivi che diventa importante il SI al Referendum ed il lavoro a cui è chiamato il PD nei territori. Anche nel nostro!
Dobbiamo parlare approfonditamente di tutto ciò, dell’importanza e dei contenuti della Riforma. E per questo sono e siamo disponibili ad organizzare incontri in tutti i comuni insieme ai circoli e ai nostri iscritti.
E non dimentichiamo le tante Feste de l’Unità che ancora riusciamo ad organizzare, e che sono il segno più profondo di un partito radicato ed organizzato. Una stagione di Feste che partirà il prossimo 10 giugno da Pessina cremonese, e che si concluderà il 5 settembre con l’appuntamento della festa di Ombrianello a Crema. Usiamo le feste per incontrarci, parlarci e parlare con le persone che incontriamo. Perché anche le Feste sono un’occasione formidabile per stare insieme e ricordare che esiste anche una “Politica gentile” che è molto più utile ed insieme la risposta più forte ad una certa arroganza da cui anche noi, a volte, ci facciamo condizionare.
Un’ultima annotazione: il tesseramento 2016. Grazie al lavoro messo in campo, dopo molti anni in cui la campagna tesseramento ha subito eccessivi ritardi, quest’anno ci siamo organizzati per farla partire quanto prima, e ad oggi abbiamo raggiunto e superato il 50% di tessere rinnovate. Cerchiamo di proseguire questo lavoro, che è importante.
E dato che questa lettera la riceveranno anche quegli iscritti che non hanno ancora rinnovato, chiudo con un messaggio dedicato a loro: sono a conoscenza delle difficoltà, dei dubbi e del disorientamento che molti di voi provano, motivo per il quale non avete rinnovato la tessera. Il PD, soprattutto oggi, è l’unica possibilità che ha questo paese per uscire da una crisi profonda e rimettersi in piedi attraverso un forte processo di riforme. Bisogna però anche sapere che la “riforma perfetta” non esiste, e che non dobbiamo soffermarci solo sul “particolare”, bensì sulla necessità, tra troppi anni urgente, di restituire a questo paese la credibilità che merita, anche sotto il profilo Democratico ed Istituzionale. Una responsabilità oggi nelle mani di tutti noi.
In quest’ottica faccio mie le parole di Vannino Chiti:” basta guardare all’Europa o agli Usa per rendersi conto dell’avanzata dei populismi reazionari. In Politica la miopia provoca disastri e rovine.”
Ritienimi, come sempre, a disposizione per qualsiasi cosa.
Un caro abbraccio e un sincero grazie per il tuo impegno, la tua militanza e la tua vicinanza.
Ci vediamo alle feste!
Matteo PILONI, segretario provinciale PD matteo.piloni@pdcrema.it

scarica la lettera: lettera agli iscritti