Archivi tag: liste civiche

Elezioni comunali, Soldo (PD): “Complimenti ai sindaci eletti, un ringraziamento per tutti i nostri candidati”

Domenica 3 e lunedì 4 ottobre 2021, in tutta Italia, si sono tenute le elezioni amministrative che hanno coinvolto numerose città, tra cui cinque importanti aree metropolitane. A livello nazionale si è registrata una grande vittoria del Partito Democratico e della coalizione di centrosinistra nel suo complesso, con le larghe affermazioni già al primo turno a Milano, Napoli e Bologna, mentre a Roma e Torino si andrà al ballottaggio in partite aperte ma ampiamente competitive per i candidati progressisti. Da aggiungere poi le vittorie di due candidati PD nelle elezioni supplettive nei collegi di Siena e Roma Primavalle, con il ritorno in Parlamento del segretario nazionale Enrico Letta.

A livello locale, in Provincia di Cremona, i Comuni chiamati al voto erano 13 su 113 in totale.  Il segretario provinciale del Partito Democratico Vittore Soldo ha così commentato i risultati in un comunicato stampa: 

Il primo vero dato su cui riflettere è la scarsa affluenza: in Provincia di Cremona, che sembrerebbe la seconda provincia lombarda in termini di affluenza, sono andati a votare (in media) 6 elettori su 10, con il picco più basso a Palazzo Pignano, dove per poco non viene raggiunto il quorum che serviva all’unica lista che si era presentata. Questi dati dovrebbero portare tutti a fare delle valutazioni molto accorte perché è difficile immaginare le motivazioni per cui quella percentuale di elettori hanno deciso di non scegliere: non si sentivano pienamente rappresentati oppure hanno manifestato un disagio nei confronti dei modi e delle proposte in campo? Molto probabilmente hanno influito entrambe le cose.

Tenendo conto della scarsa affluenza e del momento che dava favorito il centrodestra, nei centri minori e medi di provincia, per quanto riguarda la proposta messa in campo dal centrosinistra, registriamo due sconfitte su cui dover fare un serio ragionamento: Rivolta d’Adda e Pizzighettone. A Rivolta si andava verso la possibile terza conferma, risultato già di per sè difficile per chiunque: nonostante il grande lavoro e l’alto livello innovativo messo in campo da Elisabetta Nava e dalla sua squadra, purtroppo non si è riusciti a vincere. A Pizzighettone è stata data continuità al sindaco uscente e la compagine civica alternativa non ha convinto abbastanza l’elettorato di Pizzighettone e delle sue frazioni. A Pieve San Giacomo si è perso di pochissimo ed in questo Comune, probabilmente, la scarsa affluenza ci ha sfavorito, oltre al fatto che, nel meccanismo dell’alternanza, ha prevalso la volontà di cambiare amministrazione nonostante l’ottimo lavoro svolto dalla sindaca uscente Silvia Genzini.

La partita che si è rivelata interessante è stata quella di Spino d’Adda, dove sulla carta eravamo sfavoriti e dove invece l’esperienza e le competenze di Enzo Galbiati e del suo gruppo sono riusciti a ribaltare i pronostici della vigilia. A Izano e ad Azzanello, nonostante la sconfitta, sono scese in campo delle vere alternative che avranno bisogno di tempo per affermarsi. Ottima la conferma di Fornaroli a Cremosano: amministratore capace e che potrà portare avanti il buon lavoro fatto con il sindaco Perrino. Bravi a Campagnola Cremasca e Pianengo Agostino Guerini Rocco e Roberto Barbaglio insieme alle rispettive liste che, pur nella mancata sfida elettorale, hanno raggiunto il quorum già nella prima giornata di elezioni: indicativo della capacità di questi sindaci di essere stati presenti e vicini alle esigenze dei loro cittadini. Nel Comune di Sesto ed Uniti, infine, l’esperienza di Carlo Vezzini, già sindaco, gli ha permesso di ritornare alla carica di primo cittadino nonostante i pochi mesi a disposizione per la campagna elettorale: dimostrazione di grande radicamento e di conoscenza profonda del proprio territorio.

In grande sintesi, al netto della scarsa affluenza, di cui è indispensabile capire le ragioni, nella nostra Provincia,andavano al voto 13 Comuni su 113: dove siamo risultati ben visibili e radicati, l’elettorato ha riconosciuto il lavoro fatto e ci ha premiato. Dove ci siamo accodati in liste civiche dai profili poco definiti e a cui non è stato dato il giusto tempo per far passare il progetto tra i cittadini, la proposta non viene capita, a volte, nemmeno dai nostri elettori. Adesso sarà importante fare tesoro di quanto uscito da questo voto e rimettersi al lavoro: la segreteria provinciale, insieme ai territori, ha elaborato una proposta di riorganizzazione del Partito Democratico sul territorio provinciale che va a coprire i limiti emersi in questa tornata amministrativa: tutto il PD è coinvolto in questo passaggio e tutti saranno chiamati a portare il loro contributo. Da parte mia e della segreteria va il ringraziamento a tutti coloro che si sono impegnati e spesi per dare rappresentanza ai nostri ideali, ai nostri valori e  alla nostra comunità politica.

Vittore Soldo – Segretario provinciale PD Cremona

Elezioni comunali: a Corte de’ Frati e Persico Dosimo vincono le liste civiche sostenute dal PD. A Soncino riconfermato il sindaco uscente

Le elezioni amministrative del 20-21 settembre 2020 hanno visto, in Provincia di Cremona, la vittoria dei candidati e delle liste civiche sostenute dal Partito Democratico in due Comuni sui tre chiamati alle urne. A Corte de’ Frati infatti l’unico candidato Giuseppe Rossetti è stato proclamato sindaco avendo superato il quorum di partecipazione e di voti validi espressi, mentre a Persico Dosimo ha vinto Giuseppe Bignardi della lista “Bene Insieme” con il 58,30% dei consensi.

Le elezioni comunali a Soncino invece si sono risolte con una riconferma netta del sindaco uscente di centrodestra Gabriele Gallina. Il segretario provinciale PD Vittore Soldo ha così commentato l’esito elettorale sul territorio: “Bene Corte de’ Frati, dove è stato eletto Giuseppe Rossetti di cui ci si aspettava l’esito ma che ha dovuto aspettare il raggiungimento del quorum. L’augurio di un buon lavoro a lui e a Rosolino Azzali: sono certo che proseguiranno il buon lavoro fatto in questi anni. Bene anche Persico Dosimo: a Beppe Bignardi vanno le mie congratulazioni e anche a lui il buon auspicio di un lavoro proficuo (insieme alla sua squadra) per il bene del paese e del territorio circostante. Purtroppo è andata male a Soncino dove la lista “Uniti per Soncino” perde nettamente. Questo progetto ha preso forma tardi, quasi a ridosso della scadenza elettorale: c’è stato oggettivamente poco tempo per poter essere conosciuto e spiegato in paese. In una sfida così polarizzata, poi, gli elettori di entrambe le parti si sono voluti riconoscere solamente nella loro proposta politica di partenza e credo sia influito anche questo sull’esito finale del voto. Alla candidata sindaco Daniela Cavati va tutto il mio ringraziamento per aver dato un volto pulito e nuovo al progetto, oltre che per essersi spesa senza riserve in campagna elettorale. Lo stesso ringraziamento va anche a tutti i candidati in lista che hanno lavorato credendo in una proposta che non si ferma a questa esperienza, ma da qui inizia la sua strada. Da qui, ora, si deve ripartire!”

Elezioni 2014. Il “lavoro” del PD per le amministrative

Saranno 92 i comuni della provincia di cremona che il prossimo 25 maggio andranno a votare.
Solo nel capoluogo il PD presenterà una sua lista.
Negli altri 91 comuni, tra cui Casalmaggiore con Claudio Silla, il PD si è messo a disposizione per costruire e sostenere progetti civici partiti dall’impegno dei cittadini.
Più di un anno fa, come PD, abbiamo messo in campo un lavoro notevole, con l’obiettivo di fotografare la situazione provinciale, comune per comune, al fine di affrontare al meglio l’importante sfida amministrativa.
Il bilancio di questa iniziativa è stato presentato in conferenza stampa dal segretario provinciale Matteo Piloni, che ha dichiarato:” Il lavoro è stato molto importante. Il PD nella maggior parte dei comuni è presente dando il sostegno a liste civiche, vere e proprie. Il tutto con l’obiettivo di costruire una rete di relazioni per affrontare le sfide che il nostro territorio ha di fronte, a partire dalla modifica dell’assetto dell’ente provinciale. Un cambiamento che dovrà vedere il ruolo di cremona come capoluogo di fatto, e non solo sulla carta come in questi ultimi anni. Cremona con Galimberti, insieme a Casalmaggiore con Silla e Crema con Bonaldi, dovrà lavorare in sinergia con tutto il territorio provinciale. Per questo motivo la rete di candidati e di liste che abbiamo sostenuto ed aiutato, può essere il passaggio più importante per affrontare i tanti temi sul tavolo: gestioni associate, gestione dei servizi come rifiuti e acqua, l’ambiente con i piani d’ambito e di area vasta.”
Insieme a Piloni, che ha ringraziato i gruppi della provincia e del comune di cremona, erano presenti anche Elena Bernardini e Serenella Taraschi della segreteria provinciale oltre ad alcuni candidati sindaco di liste civiche, come Michel Marchi di Gerre de Caprioli, Noemi Clerici di Sospiro, Maurizio Baldini di Stagno Lombardo, Evi Grimaldelli di Romanengo, Mauro Giroletti di Sergnano.