Presidio PD in piazza a Cremona sabato 12, 19 e 26 giugno 2021

Nelle giornate di sabato 12, 19 e 26 giugno 2021 il Partito Democratico di Cremona sarà presente con un gazebo presso lo Spazio Comune in Piazza Stradivari dalle ore 10,00 alle 12,30 in occasione del mercato cittadino. Sarà un momento di discussione e confronto, con la possibilità per gli iscritti di rinnovare il tesseramento e per tutti i cittadini di chiedere informazioni e aderire al PD.

Il segretario cittadino Luca Burgazzi ha invitato iscritti e simpatizzanti a partecipare all’iniziativa, nel rispetto delle misure igienico-sanitarie vigenti: “Poichè le restrizioni causate dalla pandemia si stanno attenuando, insieme con le nostre preoccupazioni al riguardo, il Partito Democratico di Cremona ricomincia ad incontrare iscritti e simpatizzanti. Ci siamo persi di vista per tanti mesi, durante i quali non sono mancati per tutti noi ansie e timori, ma non è venuta meno la voglia di confrontarci e discutere, secondo le nostre abitudini “democratiche”. Ora, per cominciare, saremo in piazza, dopo tanto, anche solo per un saluto, per il rinnovo della tessera e iscrizione al PD, nell’attesa di poter organizzare, entro il mese di giugno, un momento di vero confronto in presenza”.

Convocata l’Assemblea provinciale PD per venerdì 11 giugno 2021

L’Assemblea provinciale del Partito Democratico è convocata per venerdì 11 giugno 2021 alle ore 18,00 in modalità video-conferenza, con il seguente ordine del giorno:

  • Illustrazione bilancio consuntivo 2020 e bilancio preventivo 2021 della Federazione di Cremona;
  •  Presentazione e discussione nuova proposta organizzativa PD cremonese;
  • Proposta percorso per riorganizzazione PD sul territorio provinciale;
  • Presentazione nuova Segreteria Provinciale.

“Anima e cacciavite”: le priorità di Letta per il Partito Democratico

È un momento di ricostruzione: con questa motivazione il segretario del Partito Democratico Enrico Letta ha spiegato di essersi convinto a tornare in Italia e rientrare in politica proprio per questa situazione di ripartenza in cui si trova il Paese: “Per essere parte di questo lavoro diretto a ricostruirsi”. Riprendendo il titolo del suo ultimo libro “Anima e cacciavite. Per ricostruire l’Italia”, Letta ha spiegato che proprio questi due elementi servono per costruire qualcosa di solido. 

“L’Italia per ricostruirsi ha bisogno di una visione incentrata su valori che tengano insieme la comunità – ha detto Letta – ma allo stesso tempo c’è bisogno del cacciavite, cioè di competenza, di sapere dove mettere il cacciavite e su quale vite giusta”. Queste due dimensioni, anima (valori) e cacciavite, per il segretario del Partito Democratico devono stare insieme altrimenti “c’è solo vuota retorica, oppure c’è soltanto tecnica non legata ad alcun valore di fondo”. Alla domanda su quale cacciavite abbia funzionato di più nel decreto Semplificazioni tra quello della Lega e quello del PD, Letta replica ritenendo che il migliore sia stato quello del Presidente del Consiglio: “Draghi aveva chiarissimo che a livello europeo ci veniva chiesto un decreto Semplificazioni efficace e questo decreto che doveva accelerare la messa a terra di un’enorme quantità di soldi che l’Europa ci dà, doveva essere anche rispettoso dei principi costituzionali come la protezione del paesaggio, la sicurezza sul lavoro”.

Secondo Letta le grandi riforme che l’Unione Europea chiede all’Italia servono per far sì che i soldi – circa 200 miliardi per la parte italiana – vengano spesi bene. “Ci vengono chieste le accelerazioni e alcune riforme di cui le due principali sono giustizia e riforma del fisco – ha evidenziato – penso che queste riforme siano la condizione chiave perché il nostro Paese si modernizzi. La riforma della giustizia è fondamentale per attrarre investimenti che non vengono in Italia per vari motivi, tra cui la burocrazia e la giustizia lenta”. Mentre sulla riforma del fisco il caposaldo della proposta del Partito Democratico è “concentrarsi sulle riduzioni fiscali per i redditi medio bassi, aiutare la crescita delle imprese e premiare la fedeltà fiscale”. Dentro tutto questo si introdurrebbe anche la necessità di una redistribuzione che parta dal “modello Biden”, ossia di chiedere all’1% più ricco degli italiani di aiutare i giovani con meno mezzi ad avere più possibilità di costruirsi una professione o continuare a studiare.

Toccando il tema della pandemia, il segretario del Partito Democratico ritiene che ne stiamo uscendo con una crescita delle disuguaglianze come mai si era visto nella storia recente. “Per futuro del nostro Paese – sottolinea Letta – e della società in generale, europee e occidentali, bisogna intervenire per ridurre queste disuguaglianze. Ridurre le disuguaglianze deve essere il mantra, la missione più importante”. Troppi si sono impoveriti durante l’emergenza sanitaria e necessitano di risposte. In conclusione, guardando al futuro e alle prossime elezioni, la linea del Partito Democratico è unire tutto il centrosinistra in dialogo con il Movimento 5 Stelle. “Io ho una missione – conclude Letta – rimettere in piedi il PD e farne il baricentro di una coalizioneampia. La mia missione è dare all’Italia un governo europeista e democratico dopo Draghi, evitando che vincano le elezioni le forze sovraniste, perché in Europa gli alleati di Salvini e Meloni hanno tentato di bloccare il Recovery Fund”.

Lunedì 24 maggio dibattito in video-conferenza su Europa, migrazione e diritti umani

Lunedì 24 maggio 2021 si terrà un incontro in video-conferenza sul tema “Europa, confini, migrazione e diritti umani” organizzato dal circolo cittadino di Cremona del Partito Democratico. Partecipano all’incontro Brando Benifei (capodelegazione PD al Parlamento Europeo), Gianfranco Schiavone (Consorzio Italiano di Solidarietà – Ufficio Rifugiati Onlus), Vittore Soldo (segretario provinciale PD Cremona) e Luca Burgazzi (segretario cittadino PD ). Coordina il dibattito Luigi Lipara. Appuntamento con la diretta online a partire dalle ore 18,00 sulla pagina facebook del Partito Democratico di Cremona: https://www.facebook.com/PdCremona

Al via la campagna di tesseramento PD 2021

E’ partita ufficialmente la campagna per il tesseramento al Partito Democratico per l’anno 2021: un avvio ritardato a causa delle restrizioni dovute alle misure igienico-sanitarie per il contenimento dell’epidemia da Coronavirus. Nelle prossime settimane i circoli della Provincia di Cremona si mobiliteranno per organizzare varie iniziative a livello locale, nel rispetto delle disposizioni di sicurezza vigenti.

Gli iscritti ai circoli della città di Cremona potranno ritirare la propria tessera direttamente presso la sede della Federazione PD di Via Ippocastani sarà aperta per tutto il mese di maggio dal lunedì al venerdì mattino (dalle ore 9,30 alle 12,00) e pomeriggio (dalle ore 16,30 alle 18,30) e il sabato mattina (dalle ore 9,30 alle 12,00). Stessi orari di apertura sono previsti per tutte quelle persone che vogliono chiedere informazioni e avvicinarsi al Partito Democratico. Anche la sede territoriale di Crema in Via Bacchetta resterà aperta ogni martedì, giovedì e sabato dalle ore 9,00 alle 12,30 per avviare la campagna tesseramento 2021 nel territorio cremasco.

E’ possibile per tutti gli iscritti rinnovare l’iscrizione anche attraverso il pagamento di un bonifico alle seguenti coordinate bancarie: IBAN: IT12G0538711401000035068939 (Banca BPER C/C intestato a: Partito Democratico di Cremona). Causale del bonifico: “Rinnovo tessera PD 2021 Nome e Cognome – Circolo”. Per il ritiro della tessera cartacea è comunque necessario poi rivolgersi alla Federazione provinciale o contattare il proprio segretario di circolo.