Il Partito Democratico lombardo al lavoro per una radicale riforma della sanità regionale

Il Partito Democratico e il gruppo consiliare PD in Regione Lombardia sono al lavoro hanno chiesto alle istituzioni regionali che la discussione sulla riforma della sanità lombarda avvenga in modo aperto e pubblico: non è possibile che una questione così importante si tenga, tanto più in un momento come quello che stiamo vivendo, esclusivamente dentro al centrodestra. La sede di questo lavoro deve essere quella propria, ovvero la commissione sanità del consiglio regionale. Il gruppo regionale PD non si è limitato a questa richiesta, ma ha impostato una propria proposta perché il cambiamento di cui c’è bisogno sia radicale.

La pandemia, davanti alla quale è risultato chiaro a tutti come l’organizzazione sanitaria di Regione Lombardia non abbia saputo reggere, ha ben dimostrato la necessità di una riforma dell’intero sistema. L’orizzonte è rappresentato dalla legge regionale 23/2015, che era stata voluta da Maroni ed è stata poi portata avanti da Fontana, la cui sperimentazione scadrà a fine anno. È qui che si può intervenite per la radicale svolta che il PD chiede a livello regionale. Fin dal luglio scorso sono stati coinvolti nel lavoro di elaborazione medici, scienziati, esperti e amministratori locali per formulare una coraggiosa proposta alternativa. Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ne ha parlato nei giorni scorsi, e ora si sta lavorando per definire e affinare le linee di quella che dovrà essere un’autentica rivoluzione, per la quale sarà necessario investire ingenti risorse da reperire anzitutto attraverso il MES e il Recovery Fund. Spetterà poi al gruppo regionale democratico, dopo un’ulteriore approfondimento, portare le proposte nell’unico luogo in cui esse devono essere presentate: l’assemblea legislativa di Regione Lombardia.

Il Partito Democratico ritiene innanzitutto che che vada modificata profondamente la governance stessa della sanità lombarda: medici e operatori sanitari devono poter lavorare sulla base di direttive chiare, cosa che nell’emergenza Covid è del tutto mancata. Occorre un’agenzia dedicata esclusivamente a ricerca e innovazione, le ATS vanno completamente riviste e dovrà essere un’agenzia regionale unica a dare linee unitarie e univoche valide per tutta la Regione. Il rapporto tra pubblico e privato andrà rivisto radicalmente, la medicina territoriale va valorizzata e non penalizzata, coinvolgendo direttamente i sindaci e recuperando il ruolo dei medici di base all’interno di unità socio-sanitarie con vera competenza sul loro territorio di riferimento. Il lavoro su questa proposta di riforma è tuttora aperto non solo al PD, ai suoi sindaci e amministratori locali, ma anche alle forze del centrosinistra, ovviamente a tutto il mondo della sanità e al contributo dei cittadini. E’ già in programma un nuovo incontro del Forum regionale sanità e da qui fino a Natale sono previste discussioni (online) in tutte le Federazioni provinciali. In vista della modifica della legge regionale 23/2015, che nei primi mesi del prossimo anno entrerà nel vivo, occorre l’impegno di tutti.

Mercoledì 2 dicembre dibattito in video-conferenza su povertà ed esclusione sociale

Mercoledì 2 dicembre 2020 si terrà un dibattito in video-conferenza sul tema “Poveri ed esclusi: una visione di futuro per uscire dall’emergenza, insieme”. Partecipano all’incontro Renato Malinaro (Caritas nazionale), Rosita Viola (assessore alle politiche sociali e fragilità del Comune Cremona), Michele Gennuso (assessore ai servizi sociali del Comune di Crema) e Matteo Piloni (consigliere regionale PD). Coordina Leone Lisè, responsabile welfare e salute della segreteria provinciale PD. Appuntamento con la diretta online a partire dalle ore 18,30 sulla pagina facebook del Partito Democratico di Cremona: https://www.facebook.com/PdCremona

Stop alla violenza sulle donne

Milioni di donne subiscono violenze e vessazioni. Troppe donne muoiono per mano di uomini. Ogni anno il 25 novembre si ricorda la “Giornata mondiale contro la violenza sulle donne” e ancora c’è molto da fare. La violenza colpisce donne di tutte le età e di tutti i ceti sociali: è fisica, psicologica, economica e avviene soprattutto tra le mura di casa. La pandemia, con l’isolamento forzato, ha fatto purtroppo crescere gli episodi violenti: ci sono state più vittime e più richieste di aiuto ai centri antiviolenza, che hanno continuato a garantire supporto e accoglienza alle vittime. 

Tutte le istituzioni si devono impegnare a garantire più risorse e più sostegni per le donne e per i centri antiviolenza: per prevenire, proteggere e sostenere economicamente le vittime affinché si ricostruiscano una vita, possano avere una casa e un lavoro. Occorre prevenire la violenza soprattutto con progetti di sensibilizzazione nelle scuole, proteggere le donne che subiscono violenza, aiutarle a denunciare, sostenerle durante i procedimenti giudiziari perché non diventino vittime per una seconda volta. Il Partito Democratico intende ribadire il proprio impegno, a livello nazionale e locale, per l’autodeterminazione delle donne con provvedimenti per favorire l’autonomia e l’inserimento delle donne vittime di violenza nel mondo del lavoro, insieme al rilancio dei consultori e la piena applicazione della Legge 194. Questi sono gli impegni presi dal PD per fare in modo che “Libere dalla violenza” non sia solo un auspicio, ma un risultato da raggiungere lottando dentro e fuori le aule parlamentari e le istituzioni locali per ottenere leggi, misure adeguate e il cambiamento culturale che lo renda possibile. Per fare in modo che ogni donna sia libera di essere e libera di scegliere.

“L’ultimo respiro del sole”: venerdì 20 novembre presentazione del libro di Silvia Grossi in video-conferenza

Venerdì 20 novembre 2020 si terrà la presentazione in video-conferenza del romanzo “L’ultimo respiro del sole” di Silvia Grossi (componente della direzione regionale PD Lombardia). Oltre all’autrice parteciperanno all’incontro il consigliere regionale Matteo Piloni e il segretario provinciale PD Vittore Soldo. Appuntamento con la diretta online a partire dalle ore 20,45 sulla pagina facebook del Partito Democratico di Cremona: https://www.facebook.com/PdCremona

Decreti Ristori: venerdì 13 novembre il viceministro Antonio Misiani in video-conferenza

Con i “Decreti Ristori” il governo ha adottato misure per sostenere attività economiche e lavoratori. Venerdì 13 novembre 2020 è prevista una video-conferenza con il Viceministro dell’Economia Antonio Misiani che, intervistato da Serena Righini (responsabile ambiente, economia e lavoro PD Lombardia), risponderà alle domande dal territorio. E’ possibile seguire la diretta dell’incontro sulle pagine facebook delle Federazioni Lombarde dalle ore 18.00, inclusa la pagina Partito Democratico Cremona: www.facebook.com/PdCremona