Referendum costituzionale: oltre 150 persone firmano il primo appello per SI in Provincia di Cremona

La Riforma Costituzionale punta a rafforzare e semplificare il governo del Paese e interviene solo sulla parte seconda della Costituzione (quella che si occupa dell’ordinamento della Repubblica, cioè dell’organizzazione dei poteri pubblici). La parte prima (che segue i principi fondamentali e contiene il catalogo dei diritti e dei doveri delle persone) non è toccata.

In che direzione muove la Riforma?

Su sei percorsi democratici: Qualificazione della rappresentanza, con il Parlamento composto da una Camera eletta a suffragio universale, unica titolata a dare e togliere la fiducia al Governo, e un Senato che rappresenta le istituzioni territoriali. Efficacia della decisione, col superamento del bicameralismo e con l’introduzione del voto a data certa sugli atti del Governo considerati necessari alla realizzazione del proprio programma. Estensione delle garanzie, con l’introduzione dello Statuto delle opposizioni e l’innalzamento del quorum per l’elezione del Presidente della Repubblica. Rafforzamento degli Istituti per la partecipazione e la democrazia diretta, rendendo cogenti le leggi di iniziativa popolare, abbassando il quorum del referendum abrogativo, introducendo i referendum propositivi e d’indirizzo. Contenimento dei costi della politica e meno sprechi, con la riduzione drastica del numero dei parlamentari (315 parlamentari eletti in meno), il controllo dei conti e dei costi delle Regioni, la semplificazione della filiera istituzionale. Riorganizzazione della Repubblica, riportando in capo allo Stato le questioni strategiche, rendendo più chiare le competenze regionali, rafforzando il ruolo delle Regioni con il bilancio in pareggio, superando le Province e concentrando l’azione amministrativa nei Comuni.

Riteniamo questa riforma utile per il Paese. 

Da più di trent’anni tutte le forze politiche concordano sull’esigenza di riformare il Parlamento. C’è un mezzo sicuro per delegittimare le Istituzioni: continuare a parlare di Riforme senza realizzarle. Il nostro Paese solo adesso sta tentando di uscire da una crisi profonda e ha bisogno di Istituzioni più efficienti e più all’altezza delle sfide che ci pongono l’economia globalizzata e le stesse difficoltà dell’Unione europea.  C’è bisogno di una governabilità più rapida ed efficace.  E’ necessario che rappresentanza e decisione trovino un miglior equilibrio.

A maggior ragione dopo la scelta della Gran Bretagna di uscire dalla Comunità Europa, c’è bisogno di un’Italia più forte.

 

Per questi ed altri motivi NOI sosteniamo la Riforma e voteremo SI.

(in ordine alfabetico)

Lia A Beccara, Anna Acerbi, Doriano Aiolfi, Agostino Alloni, Andrea Arcaini, Rosolino Azzali, Anna Bandera, Giovanni Bandera, Roberto Barbaglio, Fabiola Barcellari, Lucia Baroni, Andrea Bassani, Jacopo Bassi, Francesco Bazzani, Mario Bazzani, Stefano Begotti, Ferruccio Bellani, Stefano Belli Franzini, Gianmario Benelli, Fabio Bergamaschi, Elena Bernardini, Luigi Bernocchi, Franco Bianchi, Primo Bombelli, Rodolfo Bona, Stefania Bonaldi, Massimo Bonanomi, Gianni Bonizzi, Santo Borghi, Ilde Bottoli, Omar Bragonzi, Daniele Burgazzi, Luca Burgazzi, Monica Buscema, Fabio Calvi, Battista Calzi, Santo Canale, Andrea Cantoni, Federico Capoani, Vincenzo Cappelli, Aldo Casorati, Damiano Cattaneo, Marco Cavalli, Ivana Cavazzini, Franco Cerri, Maura Cesana, Michele Coppi, Marco Corti, Carla Cribiù, Mario Daina, Valentina Di Gennaro, Dario Domaneschi, Carlo Duca, Franz Ervin, Giambattista Facchi, Giorgio Feraboli, Simone Ferretti, Pietro Fevola, Giuseppe Figoni, Cinzia Fontana, Giovanni Gagliardi, Gianluca Galimberti, Roberto Galletti, Mauro Gallinari, Luigi Galvano, Uliana Garoli, Silvia Genzini, Marco Ginelli, Gianluca Giossi, Mauro Giroletti, Matteo Gramignoli, Roberto Grassi, Donatella Grazioli, Valentina Gritti, Angela Grossi, Emilio Guerini, Sebastiano Guerini, Tiziano Guerini, Paola Guerini Rocco, Goffredo Iachetti, Lucia Lana, Alessandro Lanfranchi, Elisabetta Larini, Fiorella Lazzari, Luigi Lipara, Leone Lisè, Graziella Locci, Gianmario Magni, Piera Mairino, Francesco Maldera, Giuseppe Mametti, Alessia Manfredini, Barbara Manfredini, Cristina Manfredini, Enrico Manifesti, Maurizio Manzi, Marco Manzoni, Francesca “Cechi” Marazzi, Elio Marcarini, Giorgio Marchesini, Michel Marchi, Roberto Mariani, Dino Martinazzoli, Franco Mignotti, Pietro Mombelli, Rosolino Mondonico, Pietro Moro, Guido Ongaro, Giorgio Ottoboni, Alessandro Pandini, Mauro Panzi, Simona Pasquali, Davide Pavesi, Gabriella Pelizzari, Raffaele Perrino, Manuela Piloni, Matteo Piloni, Francesco Pinzi, Luciano Pizzetti, Mauro Platè, Luigi Poli, Roberto Poli, Maria Luise Polig, Francesca Pontiggia, Franco Potabili, Costantino Rancati, Renzo Rebecchi, Claudio Rebessi, Ernesto Riboli, Giuseppe Riccardi, Nicola Ricci, Velleda Rivaroli, Clorinda Rossi, Gianantonio Rossi, Filippo Rota, Caterina Ruggeri, Fausto Ruggeri, Maura Ruggeri, Mauro Samarati, Ernestino Sassi, Agostino Savoldi, Gianluca Savoldi, Teo Scalmani, Ivan Scaratti, Fabio Scio, Alex Severgnini, Orestilla Sogni, Gian Carlo Soldati, Vittore Soldo, Giancarlo Storti, Giuseppe Strada, Renato Strada, Giuseppe Strepparola, Alfio SudatiRomano Sudati, Pippo Superti, Virginia Susta,  Giuseppe Tadioli, Bruno Tagliati, Pierluigi Tamagni, Calogero Tascarella, Daniel Termenini, Giuseppe Tiranti, Giuseppe Tonoli, Giuseppe Torchio, Luciano Toscani, Enrico Tupone, Giovanni Vacchelli, Eugenio Vailati, Diego Vairani, Giovanna Valcamonico, Alberto Valeri, Angelo Venturelli, Dante Verdelli, Franco Verdi, Andrea Vergani, Carlo Vezzini, Davide Viola, Andrea Virgilio, Marzio Zaini, Maria Rosa Zanacchi.

Parlamentari, consiglieri regionali, sindaci, amministratori locali, consiglieri comunali e cittadini della Provincia di Cremona.

Piano regionale della mobilità. Alloni(Pd): “Troppe strade e autostrade e poca cura del ferro. Interventi importanti per il cremonese grazie al Pd”

“Troppe strade e autostrade e poca cura del ferro”. Questo il parere del consigliere regionale del Pd Agostino Alloni che spiega così il voto contrario espresso dal Pd al Piano regionale della mobilità licenziato ieri pomeriggio in Commissione Infrastrutture e Mobilità.  “Il Piano regionale della mobilità è un importante lavoro di mappatura delle opere infrastrutturali programmate per il territorio lombardo – spiega Alloni – , ma conferma indirizzi che non sono più attuali. Si prevedono troppe autostrade rispetto alle necessità della Lombardia, programmazione fatta prima della crisi economica e basata su previsioni di traffico e su capacità economica che oggi sono radicalmente cambiati. Mobilità sostenibile significa altro”.

Il testo continue alcune importanti proposte e progetti grazie ad emendamenti specifici presentati da Alloni. “Ieri la Commissione ha accolto nostri emendamenti che puntano al miglioramento viabilistico in provincia di Cremona – continua -. Innanzitutto il raddoppio selettivo del tratto ferroviario da Codogno a Cremona e da Cremona a Mantova. Poi il potenziamento della linea ferroviario Treviglio – Crema – Cremona con il prolungamento dell’orario cadenzato del servizio fino a Milano senza rottura di carico a Treviglio. Un altro emendamento, invece, riguarda la navigazione fluviale con l’importante connessione intermodale del porto di Pizzighettone, con l’ipotesi del polo industriale di Tencara  e la possibile sinergia con il porto di Cremona per rafforzare lo scambio delle merci nel sistema acqua – ferro – gomma”.

 

PARLIAMO DI LAVORO E PENSIONI. Incontro con l’on. CESARE DAMIANO e i segretari generali della Lombardia di Cgil, Cisl e Uil. Lunedi 27 giugno, ore 21 Sala Zanoni – Cremona

I dati del I^ trimestre, pubblicati dall’Istat, confermano un trend positivo per l’occupazione. I numeri dell’Istat riguardano soprattutto i posti a tempo indeterminato, ma contemporaneamente i lavoratori autonomi e le piccole medie imprese sono ancora in sofferenza.

I risultati sono sì positivi ma non ancora sufficienti a rilanciare il Paese.
In queste settimane il Governo ha ripreso in mano la questione delle pensioni, aprendo un tavolo con le forze sindacali.
Lavoro e pensioni. Di questo parleremo il prossimo lunedi 27 giugno a Cremona con un incontro-confronto tra l’on. Cesare Damiano, presidente della commissione lavoro alla Camera, e i tre segretari lombardi dei sindacati: Elena Lattuada (CGIL), Osvaldo Domaneschi (CISL), Danilo Margaritella (UIL).
E’ la prima volta che il PD organizza un incontro di questo tipo, almeno in Lombardia. Un incontro molto importante e attuale, non solo per approfondire gli importanti temi sul tavolo, ma anche per aprire un serio confronto con le categorie sindacali, anche nel nostro territorio.
L’appuntamento è per lunedì 27 giugno alle ore 21 presso a sala Zanoni a Cremona.

Matteo Piloni
Segretario provinciale PD

Damiano 2016 (1)

Al via venerdì 24 giugno la festa de l’Unità di Vaiano Cremasco. Fino a lunedì 4 luglio

Mentre chiudono le feste di Pianengo e Pessina Cremonese, è pronta per partire la Festa de l’Unità di Vaiano Cremasco, che si terrà presso l’area anfiteatro da venerdì 24 giugno a lunedì 4 luglio.

Tutte le sere il ristorante e la pizzeria dalle ore 19, il punto giovani e i giochi della tombola, della ruota e della pesca.

Immancabili gli appuntamenti con la balera.

Si comincia venerdì 24 con l’orchestra Ruggero SCANDIUZZI;

sabato 25 Orchestra Gino e la Band;

domenica 26 orchestra Franco e Valeriana;

lunedì 27 dimostrazione di Karate e ballo latino -americano;

martedì 28 cena dedicata agli anziaini e sul palco il concerto della 0382 band;

mercoledì 29 è la volta dell’orchestra spettacolo Diego Zamboni;

giovedì 30 I Rodigini;

venerdì 1° luglio l’orchestra Simpatia;

sabato 2 luglio l’orchestra Frigerio;

domenica 3 luglio la Cerri Band;

e si chiude lunedì 4 luglio con l’orchestra spettacolo di Roberto MADONIA.

manifesto vaiano2016.psd

Di seguito il calendario completo delle Feste de l’Unità:

CalendariettoFeste   2016
CalendariettoFeste 2016

 

 

PD: MOBILITAZIONE SUL REFERENDUM COSTITUZIONALE. I circoli del PD nelle piazze per il SI

I prossimi week-end su tutto il territorio provinciale saremo impegnati come PD in una serie di banchetti di raccolta firme per il Referendum Costituzionale e per promuovere il sostegno al SI.

Una serie di banchetti in molti Paesi della provincia per continuare il lavoro di approfondimento in merito ai contenuti di una Riforma Costituzionale che, tra le altre cose, punta a garantire stabilità e partecipazione, a togliere poteri alle regioni inefficienti, a cancellare poltrone e stipendi e ad annullare il bicameralismo perfetto.

Una Riforma che negli ultimi trent’anni tutte le forze politiche hanno dichiarato di volere ma che mai nessuno ha portato fino in fondo.

Per questi motivi il PD sosterrà convintamente il SI e promuoverà nelle prossime settimane la nascita dei comitati per il SI.

Ai banchetti sarà possibile firmare i moduli per l’indizione del Referendum e l’appello per il SI, oltre a ritirare materiale informativo sui contenuti della Riforma e degli ultimi provvedimenti del Governo Renzi.

Di seguito il calendario dei banchetti:

Cremona Sab 18 giugno Piazza Stradivari 9.30 -12.00
Montodine Sab 18 giugno Piazza XXV Aprile 9.00-12.00
Capralba Sab 18 giugno Piazza Europa 9.00-12.00
Pandino Sab 18 giugno Via Umberto I 9.00-12.00
Madignano Sab 18 e Dom 19 giugno Piazza Portici 9.00-12.00
Pianengo Sab 18 e Dom 19 giugno Festa de l’Unità 20.00-23.00
Pessina Cr.ese Sab 18 e Dom 19 giugno Festa de l’Unità 20.00-23.00
Bagnolo Cr. Dom 19 giugno Piazza Roma 9.00-12.00
Gadesco Dom 19 giugno Centro Civico Tinelli – S.Marino 9.30 – 12.00
Soncino Dom 19 giugno Piazza del Comune 9.00-12.30
Romanengo Dom 19 giugno Piazza Matteotti 10.00-12.00
Rivolta d’Adda Dom 19 giugno Portici del Comune 10.00-12.00
Sergnano Dom 19 giugno Viale Europa 10.00-12.00
Pizzighettone Dom 19 giugno Piazza d’Armi 9.00-12.00
Piadena Dom 19 giugno Piazza Garibaldi 10-00-12.00
Spino d’Adda Dom 19 giugno Piazza XXV Aprile 10.00-12.00
Crema Sab 25 giugno Piazza Duomo 16.00-19.00
Crema-Ombriano Dom 26 giugno Piazza Benevenuti 9.00-12.30
Credera Dom 26 giugno Piazza Roma 9.00-12.00

#feste2016. Da Giovedì 16 la Festa de l’Unità di Pianengo, con i migliori tortelli cremaschi. e la Festa di Pessina prosegue da venerdì 17 a lunedì 20 giugno

Inizia giovedì 16 giugno e durerà fino a lunedì 20 giugno la Festa de l’Unità di Pianengo. La Festa dove è possibile gustare i migliori tortelli cremaschi. Provare per credere!

Man-Pia-2016_ultimo-UNICO3

Prosegue invece da venerdì 17 a lunedì 20 la bellissima festa di Pessina Cremonese.

festa_unita_pessina_2016

scarica il calendario di tutte le feste de l’Unità 2016:

CalendariettoFeste   2016
CalendariettoFeste 2016

La lettera del segretario provinciale PD Matteo Piloni agli iscritti

LETTERA AGLI ISCRITTI – 9 giugno 2016

Carissim*
domenica anche nella nostra provincia si sono tenute le elezioni amministrative in 14 comuni. Un appuntamento importante che ci ha visto ottenere un buon risultato, frutto dell’impegno e del lavoro messo in campo nei mesi scorsi, e che segue il risultato ottenuto nelle elezioni del 2014. Spino d’Adda, Piadena, Pieve San Giacomo, Campagnola Cremasca, Sesto ed Uniti, Rivolta d’Adda, Pianengo e Cremosano.

Otto comuni importanti in cui ha vinto il candidato e la lista sostenuta dal PD.

Otto comuni che contribuiscono ad arricchire la rete di amministratori nei nostri territori e, di conseguenza, le nostre responsabilità. Sette di questi sono una riconferma, mentre Spino d’Adda torna al centrosinistra dopo cinque anni.

L’unica eccezione riguarda Pizzighettone dove la lista sostenuta dal PD “Pizzighettone chiama”, con il nostro candidato Bruno Tagliati, non ha avuto il risultato sperato e che invece meritava, visto il gruppo e il progetto messi in campo.
Per adesso, a chi si è messo a disposizione per il territorio, va il mio e il nostro ringraziamento più sincero, ben consapevoli che il loro impegno non termina qui.
A tutti i sindaci eletti i nostri complimenti per il risultato ottenuto e i nostri migliori auguri di buon lavoro, nell’interesse del territorio. Un lavoro per il quale troveranno sempre nel PD un solido punto di riferimento per affrontare i tanti temi sul tavolo. Una responsabilità che sentiamo sulle spalle ogni giorno e per la quale, a volte, mi chiedo se siamo in grado di sostenere.

Il tempo che stiamo attraversando, e le sfide che abbiamo di fronte, non sono affatto semplici.
In questi anni, oltre ad aver affrontato gli appuntamenti amministrativi, abbiamo preso in mano partite territoriali molto importanti. La Costituzione dell’unica società pubblica per la gestione del servizio idrico integrato; il percorso di aggregazione tra Lgh e A2A, le due aziende più importanti della Lombardia per quanto riguarda la gestione dei servizi; la Riforma della sanità portata avanti dalla Regione, il mantenimento dell’autonomia dell’Ospedale di Crema e, in questi giorni, l’impegno della regione sul potenziamento del POT – Nuovo Robbiani di Soresina; le difficoltà legate all’arrivo dei Profughi; la riforma Delrio con la trasformazione della Provincia in ente di secondo livello. Tutto questo attraverso un quotidiano lavoro al fianco dei nostri amministratori.
Allo stesso tempo, in questi 3 anni, abbiamo lavorato anche a rafforzare la presenza del nostro partito nei territori, con il percorso di costituzione dei circondari che nei prossimi giorni si concluderà con la costituzione dell’ultimo circondario, per il quale molte persone hanno e stanno dedicando tempo e impegno: quello cremonese. Un percorso che ha l’obiettivo di radicare il PD nei territori, mettere i circoli nelle condizioni di svolgere al meglio le proprie funzioni, e che deve proseguire con sempre maggior determinazione.
Un lavoro affatto semplice, che aveva e ha tutt’ora come obiettivo principale quello di “tenere insieme”, creare occasioni nelle quali gli iscritti e i simpatizzanti possano trovarsi ed uscire da quell’isolamento in cui, circoli troppo piccoli per numero di iscritti, rischiano di incappare.
Perché è solo tenendo insieme che si può e si riesce a costruire. Ma tenere insieme non significa ingabbiare o frenare. Significa prima di tutto saper ascoltare le ragioni delle diverse posizioni: da quelle politiche a quelle territoriali.
E’ con questo spirito che lo spazio della riforma Costituzionale, con la creazione delle aree vaste, può e deve essere affrontato. Riempiendo di contenuti questi spazi e immaginando lo sviluppo dei territori. Non contro qualcuno, ma a favore.
L’area vasta porta con sé certamente problemi, ma anche nuove opportunità. L’eliminazione delle province porta con sé l’opportunità e la difficolta allo stesso tempo di guardare ai nostri territori per ciò che sono realmente. Significa focalizzare l’attenzione sull’idea di sviluppo che abbiamo e che serve, e non su quali o da quali confini partire.
Dire che Crema gravita su Milano, Lodi o Treviglio è la stessa cosa che dire che Cremona guarda a Piacenza, o una parte del casalasco a Parma o Mantova. E’ la geografia dei nostri territori, la loro storia, le loro relazioni. Ogni territorio le ha. Soprattutto in una provincia come la nostra, lunga e stretta. Sta a noi capire come gestire questo processo, nuovo, difficile e complesso.
Pensare all’omogeneità dei nostri territori non significa indebolimento o frammentazione. Al contrario significa costruire le condizioni per uno sviluppo sul piano economico, produttivo, sociale, infrastrutturale. Significa immaginare una nuova gestione del territorio, che deve puntare sull’efficacia e sull’ efficienza, in termini concreti, reali, per dare risposte ai cittadini e allo sviluppo dei territori.
E’ con questo spirito che ci si deve muovere e che si deve vedere il protagonismo dei territori. Non si deve fare confusione. Non serve a nessuno creare caricature secessioniste che non esistono.
In questi ultimi due anni abbiamo vissuto la fase di transizione nella quale le vecchie province si sono trovate con l’approvazione della Legge Delrio.

In questo contesto voglio ringraziare Carlo Vezzini che, mettendosi a disposizione, ha ricoperto fino ad oggi il ruolo di Presidente della Provincia. Un ruolo non facile, che ha vissuto anche con quella solitudine che ha e sta caratterizzando questa transizione.
Una delle prime cose che Vezzini mi ha chiesto, appena eletto segretario, è stata quella di far sentire il Partito al fianco degli amministratori. In questi anni ci ho provato, e insieme agli amministratori abbiamo seguito tante partite come quella del servizio idrico, ad esempio. Ma poi anche l’Area Vasta, che ancora stiamo seguendo essendo stati tra i primi, in Regione, ad aver condiviso un ampio documento. Un rapporto che è stato utile e salutare anche all’interno del consiglio provinciale, dove l’unanimità su tanti temi ha prevalso, dimostrando la volontà di lavorare insieme per il territorio. Oltre a Vezzini il ringraziamento va a tutti i consiglieri provinciali che si sono messi a disposizione e in particolar modo a Davide Viola che, con l’incarico di vice Presidente, guiderà l’ente per i prossimi mesi.
Ed è sempre con questo spirito e in quest’ottica che in tre anni abbiamo promosso ben tre corsi di formazione, due dei quali dedicati proprio agli amministratori, mentre il terzo, che si sta concludendo in questi giorni, ha focalizzato l’attenzione sulla comunicazione, strumento importante anche in Politica.
Ma la Riforma Costituzionale, il cui esito dipenderà dal risultato del referendum di ottobre, è molto altro. E’ soprattutto la possibilità di continuare quel processo di riforme innescato dal Governo Renzi, secondo il mandato dell’ex Presidente della Repubblica al Parlamento che, nel 2013, gli aveva chiesto di rimanere. E’ la possibilità di rafforzare la nostra credibilità verso un’Europa con la quale abbiamo preso impegni chiari anche sul debito pubblico.
In gioco, dunque, non ci sono i destini personali di Renzi o della Boschi. In gioco non c’è solo il futuro del PD. Sul tavolo c’è la credibilità di un Paese che passa, inevitabilmente, dalla sua capacità di portare avanti le riforme. Di questo e di altro dobbiamo parlare, entrando nel merito della Riforma, dei suoi punti di forza e senza nascondere i suoi punti deboli, nella consapevolezza che non esiste la “riforma perfetta”.
Da più di trent’anni tutte le forze politiche concordano sull’esigenza di riformare il Parlamento. C’è un mezzo sicuro per delegittimare le Istituzioni: continuare a parlare di Riforme senza realizzarle.
Il nostro Paese solo adesso sta tentando di uscire da una crisi profonda e ha bisogno di Istituzioni più efficienti e all’altezza delle sfide che ci pongono l’economia globalizzata e le stesse difficoltà dell’Unione europea. Ed è per questi motivi che diventa importante il SI al Referendum ed il lavoro a cui è chiamato il PD nei territori. Anche nel nostro!
Dobbiamo parlare approfonditamente di tutto ciò, dell’importanza e dei contenuti della Riforma. E per questo sono e siamo disponibili ad organizzare incontri in tutti i comuni insieme ai circoli e ai nostri iscritti.
E non dimentichiamo le tante Feste de l’Unità che ancora riusciamo ad organizzare, e che sono il segno più profondo di un partito radicato ed organizzato. Una stagione di Feste che partirà il prossimo 10 giugno da Pessina cremonese, e che si concluderà il 5 settembre con l’appuntamento della festa di Ombrianello a Crema. Usiamo le feste per incontrarci, parlarci e parlare con le persone che incontriamo. Perché anche le Feste sono un’occasione formidabile per stare insieme e ricordare che esiste anche una “Politica gentile” che è molto più utile ed insieme la risposta più forte ad una certa arroganza da cui anche noi, a volte, ci facciamo condizionare.
Un’ultima annotazione: il tesseramento 2016. Grazie al lavoro messo in campo, dopo molti anni in cui la campagna tesseramento ha subito eccessivi ritardi, quest’anno ci siamo organizzati per farla partire quanto prima, e ad oggi abbiamo raggiunto e superato il 50% di tessere rinnovate. Cerchiamo di proseguire questo lavoro, che è importante.
E dato che questa lettera la riceveranno anche quegli iscritti che non hanno ancora rinnovato, chiudo con un messaggio dedicato a loro: sono a conoscenza delle difficoltà, dei dubbi e del disorientamento che molti di voi provano, motivo per il quale non avete rinnovato la tessera. Il PD, soprattutto oggi, è l’unica possibilità che ha questo paese per uscire da una crisi profonda e rimettersi in piedi attraverso un forte processo di riforme. Bisogna però anche sapere che la “riforma perfetta” non esiste, e che non dobbiamo soffermarci solo sul “particolare”, bensì sulla necessità, tra troppi anni urgente, di restituire a questo paese la credibilità che merita, anche sotto il profilo Democratico ed Istituzionale. Una responsabilità oggi nelle mani di tutti noi.
In quest’ottica faccio mie le parole di Vannino Chiti:” basta guardare all’Europa o agli Usa per rendersi conto dell’avanzata dei populismi reazionari. In Politica la miopia provoca disastri e rovine.”
Ritienimi, come sempre, a disposizione per qualsiasi cosa.
Un caro abbraccio e un sincero grazie per il tuo impegno, la tua militanza e la tua vicinanza.
Ci vediamo alle feste!
Matteo PILONI, segretario provinciale PD matteo.piloni@pdcrema.it

scarica la lettera: lettera agli iscritti

POT Robbiani- Soresina. ALLONI (PD): “ENTRO GIUGNO APERTURA E RISORSE. REGIONE MANTENGA LE PROMESSE”

Entro la fine di questo mese, stando alle dichiarazioni del sottosegretario Cioppa in Consiglio regionale, finalmente verrà messo a regime il presidio ospedaliero (POT) del Nuovo Robbiani di Soresina.

All’interno del “Nuovo Robbiani” di Soresina, Regione Lombardia aveva deciso di stabilire, già nel 2013, un presidio ospedaliero territoriale, per la gestione delle attività di dialisi, prelievi, day surgery, chirurgia a bassa complessità e attività sub acute, comprensive di 30 posti letto.  All’incirca un anno fa la Regione aveva poi deliberato la collocazione, a Soresina, del POT.  Con la riforma sociosanitaria, il POT è stato posto dentro un processo di conversione gestionale dall’Azienda Ospedaliera di Crema alla attuale ASST di Cremona. .

Grazie all’insistenza del consigliere Pd Agostino Alloni che, già il 31 maggio ha portato a casa un primo risultato con l’approvazione della delibera che stabilisce la continuazione della sperimentazione gestionale pubblico-privata del Presidio Ospedaliero all’interno della neo costituita Asst di Cremona, il POT vedrà, entro la fine del mese, l’apertura e riceverà le risorse necessarie a non far morire l’intera struttura sanitaria.

Oggi in Aula, Alloni, a seguito della risposta della Giunta alla sua interrogazione, si è detto infatti soddisfatto, ma non ha esitato a ribadire: “Il primo martedì di luglio, se il 30 giugno non fossero rispettate le promesse, sarò ancora qui con una nuova interrogazione urgente”.

Matteo Piloni, segretario provinciale del PD,  sottolinea anche il merito dell’ aministrazione comunale di Soresina:”L’amministrazione di Soresina, guidata dal bravo Sindaco Diego Vairani, ha lavorato molto su questa partita con l’obiettivo di dare risposte certe ai cittadini attraverso un servizio fondamentale come quello sanitario. La sinergia con il consigliere regionale Alloni ha permesso di ottenere un risultato importante, per il quale la Regione ha preso un impegbno molto chiaro che ora dovrà mantenere.,”

 

Amministrative 2016. In provincia di Cremona un buon risultato per il PD e il centrosinistra.

Il risultato delle amministrative in provincia di Cremona conferma e rafforza il radicamento del PD su tutto il territorio.

Spino d’Adda, Piadena, Pieve San Giacomo, Campagnola Cremasca, Sesto ed Uniti, Rivolta d’Adda, Pianengo e Cremosano. Otto comuni importanti in cui ha vinto il candidato e la lista sostenuti dal PD. Sette di questi sono una riconferma, mentre Spino d’Adda torna al centrosinistra dopo cinque anni. Un risultato, quest’ultimo, che rafforza ed arricchisce la rete di amministratori dei nostri territori e, di conseguenza, le nostre responsabilità.

Va da sé che, in tutti questi Paesi, si sono presentate liste civiche che mettono insieme persone “del Paese”, ma che indubbiamente nella maggior parte dei casi sono guidate da persone vicine al PD e che hanno, nella composizione delle liste, personalità legate al PD. Un percorso civico, dunque, che il PD continua e continuerà a sostenere.

L’unico rammarico riguarda Pizzighettone dove la lista sostenuta dal PD “Pizzighettone chiama”, che candidava a sindaco Bruno Tagliati non ha avuto il risultato sperato. Stessa sorte per San Giovanni in Croce.

A loro, che si sono messi a disposizione per il territorio, va il mio e il nostro ringraziamento più sincero, ben consapevoli che il loro impegno non termina qui.

A tutti i sindaci eletti i nostri complimenti per il risultato ottenuto e i nostri migliori auguri di buon lavoro, nell’ interesse del territorio.

Un lavoro per il quale troveranno sempre nel PD un punto di riferimento per affrontare i tanti temi sul tavolo.

In questo contesto voglio ringraziare Carlo Vezzini che ha ricoperto fino ad oggi il ruolo di Presidente della Provincia, che si conclude con l’esperienza di sindaco di sesto ed Uniti.

Un ruolo non facile, che ha vissuto anche con quella solitudine che ha e sta caratterizzando questa transizione., ma che ha portato avanti con passione e disponibilità sincera.

Una delle prime cose che Vezzini mi ha chiesto, appena eletto segretario, è stata quella di far sentire il Partito al fianco degli amministratori. In questi anni con la segreteria provinciale ci abbiamo provato, e insieme agli amministratori abbiamo seguito tante partite.

Il risultato delle amministrative è anche figlio di questo quotidiano rapporto.

 

Matteo Piloni

Segretario provinciale PD