Archivi tag: pendolari

Riccardo Nencini, vice ministro Infrastrutture e Trasporti, a Cremona per Galimberti sindaco. Sabato 26 aprile ore 15

In un momento in cui l’isolamento di Cremona è sempre più evidente e sempre più penalizzante per lo sviluppo del territorio cremonese i socialisti portano a Cremona il viceministro ai trasporti e infrastrutture Sen. Riccardo Nencini, segretario nazionale del PSI.

Questo vuole essere un segnale secondo cui la coalizione di centrosinistra vuole fare sul serio e riuscire a creare con il Governo un rapporto di proficua collaborazione, garantito anche dalla presenza di Luciano Pizzetti nella compagine governativa.

Sabato il candidato Sindaco Gianluca Galimberti consegnerà al viceministro una lettera contenenti i punti di maggior criticità sul piano dei collegamenti tra Cremona e Milano e tra Cremona e tutto quanto sta a sud del Po.

Il PSI ed il PD, che ha contribuito all’organizzazione dell’incontro, ritengono così di dare un contributo qualitativo pratico e concreto alla campagna elettorale che si sta affrontando perché a Cremona non serve popolarità, ma concretezza e progettualità.

Appuntamento sabato 26 aprile ore 15, spazio Comune.
In allegato il volantino: VOLANTINO NENCINI (1)

Alloni (PD) incontra l’assessore regionale emiliano ai Trasporti Peri: “Il servizio ferroviario affidato con bando in Lombardia si può fare”

Questa mattina il consigliere regionale del PD Agostino Alloni, membro della Commissione infrastrutture e trasporti, ha incontrato a Bologna l’assessore Mobilità e Trasporti in Regione Emilia-Romagna Alfredo Peri. Tre gli argomenti trattati: innanzitutto un parallelo tra i due modelli di gestione del sistema ferroviario, quello lombardo affidato a Trenord e quello emiliano invece affidato attraverso un bando di gara, poi un confronto sulle direttrici ferroviarie interregionali che dalla Lombardia arrivano a Parma, Piacenza e Fidenza ed infine uno sul polo ferroviario di Sermide, in provincia di Mantova, nodo nevralgico della ferrovia Suzzara – Ferrara in quanto vi ha sede l’officina “Grandi Riparazioni” delle Ferrovie Emilia Romagna.
“Sono mesi che chiediamo alla Giunta di valutare l’ipotesi di affidare attraverso un bando di gara europeo il servizio ferroviario lombardo, in ultimo ieri pomeriggio quando in Commissione Territorio con un ‘interrogazione abbiamo chiesto nuovamente all’assessore Del Tenno di ritirare la delibera del gennaio scorso con la quale si provvede a rinnovare per altri 7 anni il contratto di servizio a Trenord. Ancora una volta l’assessore lombardo ci ha risposto picche spiegandoci che non vi è convenienza sia in termini economici che pratici. Ma dal confronto avuto oggi con il suo omologo emiliano non vi è alcun dubbio che questa è la direzione da perseguire”.
Ancora una volta Alloni torna a criticare la scelta di Regione Lombardia di riaffidare il servizio a Trenord senza inserire precise clausole all’interno del contratto relative alla puntualità e per la cifra di più di 500 milioni di euro. “La Giunta emiliana – spiega Alloni – optando per l’affidamento con bando europeo, porta a casa diversi vantaggi quali un risparmio sul costo del contratto di servizio derivante dalla gara che viene affidata per oltre 20 anni e che permette di ammortizzare i costi e di rinnovare due terzi del parco rotabile con un investimento di 500 milioni. Inoltre si stima un utile di impresa del 6%. Non poco – sottolinea Alloni – vista la situazione in Lombardia. Ieri l’assessore Del Tenno si è reso disponibile per un approfondimento sul sistema regionale lombardo a 360° in Commissione Infrastrutture nei primi di maggio. Bene. Sarà quella l’occasione, dati alla mano, per avere un confronto franco sul tema”.

Treni, Alloni (PD) replica a Maroni: “Le responsabilità dei disservizi sono da imputare principalmente alla Regione”

“Maroni non faccia il furbo. Si prenda le sue responsabilità e lavori per far sì che il servizio ferroviario regionale raggiunga standard adeguati”. Così replica il consigliere regionale del Pd Agostino Alloni al presidente della Regione Lombardia. “Ha ragione Maroni a dire che la colpa dei disservizi ferroviari non è di Trenord. Le responsabilità sono esclusivamente della Regione che non fa rispettare i contratti di servizio sottoscritti con Ferrovie dello Stato e Trenord alle quali la Giunta elargisce fior di soldi pubblici. Ma la beffa più grande resta quella di veder rinnovato, non meno di due mesi fa, dalla sua Giunta lo stesso contratto di servizio, senza alcuna modifica migliorativa, che vincola la Regione per i prossimi sette anni”.
Per quanto concerne la diminuzione dei finanziamenti statali che Maroni imputa al governo, il consigliere Alloni ricorda che “fu il governo Berlusconi nella finanziaria del 2010 ad azzerare d’emblée tutti i finanziamenti rivolti alle regioni. Strano che all’epoca per questo drastico congelamento di risorse, che portò al blocco in Lombardia di opere infrastrutturali importanti, Maroni non spese nemmeno una parola eppure all’epoca era ministro nello stesso governo”.
Infine il consigliere del Pd non manca di sottolineare ancora una volta che “fa sorridere come Maroni continui a sbandierare finanziamenti per il trasporto ferroviario regionale come risultato della sua Giunta quando si tratta di fondi risalenti alla giunta Formigoni. Oggi sì, è vero, possiamo festeggiare – conclude – finalmente dopo tanto tempo e tanti annunci questi soldi messi in bilancio nel lontano 2006 si materializzano.”

Treni. Alloni risponde alla lettera di Galimberti

Il consigliere regionale del Pd Agostino Alloni risponde al candidato sindaco del centro sinistra Gianluca Galimberti per il comune di Cremona il quale nei giorni scorsi con una lettera, inviata ai consiglieri regionali eletti nella provincia, puntava il dito contro le inefficienze del sistema di trasporto regionale nel sud Lombardia.

“Da pendolare – scrive Alloni – ogni giorno constato di persona la situazione scadente del trasporto ferroviario in provincia di Cremona. Una realtà per certi versi drammatica che spinge, da quando sono consigliere regionale, a scrivere e a sollecitare l’assessore regionale ai Trasporti Del Tenno in molte occasioni, anche attraverso mozioni e interrogazioni nell’aula consiliare. Condivido la tua richiesta di rafforzare il coordinamento tra i territori e aggiungo che solo facendo rete si possono ottenere i migliori risultati in Regione Lombardia. Certamente va cambiato atteggiamento, anche alla luce della recente emanazione della legge Delrio, che assegna ai Sindaci un ruolo di maggior responsabilità, anche in ambito di pianificazione di area vasta.

Nello specifico ritengo che il comune di Cremona debba assumere un ruolo di maggior peso mettendo finalmente da parte quel carattere timido e rinunciatario che ha contraddistinto in questi anni l’amministrazione uscente. Mi rendo disponibile a dar inizio, insieme mi auguro ad altri colleghi, ad un percorso comune che ci consenta di avanzare in maniera determinante, una serie di proposte nei confronti di Trenord per migliorare concretamente la vita dei pendolari lombardi”

Qui la lettera inviata da Galimberti ai consiglieri regionali Alloni, Malvezzi e Lena: http://gianlucagalimberti.it/treni-galimberti-scrive-ai-consiglieri-regionali/

Di seguito la risposta di Alloni, in cui annuncia anche che venerdì prossimo, incontrerà l’Assessore regionale della Regione Emilia Romagna Peri e sarà l’occasione anche per esporre le criticità sulla linea per Piacenza e Fidenza: risposta a Gianluca Galimberti a nome di Agostino Alloni.

Treni, Galimberti ai Consiglieri regionali: ‘Confronto serio e proposte’

Treni. Il candidato sindaco della coalizione del centrosinistra Gianluca Galimberti scrive ai Consiglieri regionali del territorio. La lettera è frutto di due incontri (il secondo è avvenuto nella serata di venerdì 4 aprile al Dopolavoro ferroviario) organizzati e tenuti dello stesso candidato con alcuni pendolari e alcuni ferrovieri cremonesi.

Di seguito la lettera: lettera_consiglieri_regionali