Bando periferie, fondi per San Felice sbloccati ma è polemica. Pizzetti (PD): “Gli interessi di Cremona barattati per l’alleanza con il Carroccio”

I sette milioni di euro che serviranno per la riqualificazione di San Felice sono nuovamente a disposizione e l’amministrazione comunale di Cremona è già pronta a partire con le gare di appalto. Fondi prima “congelati” e poi sbloccati, che è quel che conta. Ma sulla vicenda continuano le polemiche e lo scontro politico è inevitabile.

“Il tentativo di azzeramento dei fondi era motivato unicamente dal furore ideologico di rivalsa verso ciò che aveva fatto il governo precedente, senza considerare il danno che ne sarebbe derivato alle comunità locali”. Così parla Luciano Pizzetti, deputato Pd, che dopo la dura battaglia condotta trasversalmente da sindaci, assessori e sostenuta con vigore in Parlamento, riconosce la positività dell’esito. Senza dimenticare però i comportamenti marcatamente dannosi per le comunità locali di alcune forze politiche in nome dell’alleanza con il Carroccio.

Ecco la dichiarazione integrale di Luciano Pizzetti, pubblicata sul quotidiano La Provincia il 21 ottobre 2018:

Bando periferie: il governo ha fatto un passo indietro. Ristabiliti i fondi per Cremona: ora può partire il progetto per San Felice

Grazie al lavoro trasversale di sindaci e cittadini, che si sono visti scippare i soldi per la riqualificazione delle periferie, il Governo ha dovuto fare marcia indietro e sbloccare i fondi per i Comuni. La notizia dell’accordo finalmente raggiunto tra Anci e Governo sul bando periferie è stato accolto con un sospiro di sollievo anche in Provincia di Cremona, dove il blocco dei fondi avrebbe portato all’annullamento di 7 milioni di investimenti già programmati.

“Le risorse saranno disponibili in modo graduale per le amministrazioni, in base allo stato di avanzamento dei lavori – commenta Matteo Piloni, consigliere regionale PD – e questo è il punto che consentirebbe a molti Comuni, tra cui Cremona, di poter proseguire sui progetti di riqualificazione dei quartieri periferici” Se per alcune città la situazione può dirsi risolta, per Piloni rimane però la questione politica: “Lega e M5S hanno scippato soldi ai cittadini. Soldi destinati alle periferie e ai quartieri. Soldi da utilizzare per risolvere problemi legati alla sicurezza, degli edifici e delle persone. Ora è stata messa una pezza, ma la volontà di questo Governo è chiara. Usare i problemi per raccogliere voti, ma non fare nulla per risolverli”.

Anche l’assessore all’urbanistica del Comune di Cremona, Andrea Virgilio, si dice soddisfatto dell’intesa: “I sindaci di tutti i colori politici e i cittadini si sono mobilitati e hanno vinto questa battaglia. Desidero ringraziare tutti: gli amministratori locali, Anci Lombardia, i parlamentari, in primis Luciano Pizzetti,  gli uffici comunali e i comitati di quartiere che hanno dimostrato la forza di una battaglia che va oltre le appartenenze. Ora che i soldi sono stati confermati – conclude Virgilio – possiamo partire, il più presto possibile, con le gare d’appalto per la riqualificazione del quartiere di San Felice”.

Treni: martedì 23 ottobre presidio nelle stazioni della Provincia di Cremona

Il sistema ferroviario della Lombardia ha problemi enormi, che in questi mesi si sono ulteriormente aggravati. Il gruppo regionale del Partito Democratico aveva chiesto, e ottenuto, una riunione straordinaria del Consiglio regionale proprio per discutere della situazione, invitando il presidente Fontana a portare soluzioni concrete. Questo Consiglio speciale si sarebbe dovuto svolgere martedì 23 ottobre, ma la giunta regionale ha chiesto di rinviarlo ulteriormente. La motivazione? “Non siamo pronti!”, è stato risposto. La Provincia di Cremona da troppi anni attende risposte e interventi su treni e infrastrutture ferroviarie. Questi investimenti, vista la situazione, non sono più rimandabili: non ultimi gli impegni  per la sicurezza nelle stazioni e nelle carrozze. Impegni promessi e non mantenuti.

Per tutti questi motivi, nella mattinata di martedì 23 ottobre il PD locale organizzerà dei presidi davanti alle stazioni della Provincia di Cremona per distribuire ai pendolari un volantino, attraverso il quale verrà denunciata la situazione di emergenza del sistema ferroviario regionale e delle nostre linee, avanzando anche proposte concrete per migliorare la qualità del servizio. Sono invitati a partecipare tutti gli amministratori locali dei Comuni interessati.

Ecco il volantino che verrà distribuito nelle stazioni ferroviarie:

Al via il congresso PD in Provincia di Cremona

Nella serata di lunedì 15 ottobre 2018 si è tenuta a Cremona l’assemblea provinciale del Partito Democratico che ha avviato ufficialmente la fase congressuale a livello locale. In Lombardia, infatti, sono stati indetti i congressi regionale, provinciali e di circolo per la data unica del 18 novembre, in attesa della convocazione ufficiale delle primarie per il segretario nazionale, che dovrebbero comunque tenersi nei primi mesi del 2019. In ogni circolo della Provincia di Cremona si voterà quindi domenica 18 novembre 2018 per eleggere i coordinatori di circolo e i segretari provinciale e regionale. Ai congressi locali potranno partecipare solo gli iscritti al PD (a differenza con le primarie nazionali, aperte anche ad elettori e simpatizzanti): per poter partecipare ai congressi sarà possibile rinnovare la tessera o iscriversi al Partito entro il 9 novembre.

Nella sua ultima relazione da segretario provinciale Matteo Piloni (eletto consigliere regionale e quindi, da regolamento interno, divenuto incompatibile con la carica di coordinatore del partito cremonese) si è soffermato sul tracciare un bilancio della propria esperienza: “Un’esperienza importante che mi ha permesso di conoscere a fondo la nostra provincia, più in lungo che in largo – ha dichiarato Piloni – e grazie alla quale ora posso svolgere il ruolo di consigliere nell’interesse dell’intera provincia. Inutile nascondere che sono stati anni lunghi e affatto semplici. Nel 2013 avevamo perso sia il Comune di Cremona che la Provincia, oltre che molti altri Comuni del territorio. Con le elezioni del 2014 siamo riusciti ad invertire la rotta e in questi anni abbiamo affrontato e contributo a gestire molte partite importanti, come il percorso di aggregazione tra Lgh e A2A e la costituzione di un’unica società pubblica dell’acqua. Abbiamo lavorato sulla formazione politica, sul radicamento e sull’aprire il partito a nuove figure, e a riallacciare relazioni con il mondo sociale, economico e produttivo della nostra provincia, oltre a sistemare anche la situazione economica della federazione. Un resoconto positivo, dunque, e che oggi si trova di fronte ad uno scenario politico nazionale ed europeo inedito e complicato, per il quale dobbiamo  rilanciare una nuova azione politica. Le europee saranno un passaggio molto importante, per certi versi strategico. Gli scenari sono due: o l’avanzata delle idee e delle forze sovraniste, o il rilancio dell’idea di un’Europa aperta, solidale e forte. Di questo dovremmo discutere e per questo il congresso è un’opportunità che necessità di stimoli nuovi e nuova energia”.

Il segretario uscente ha anche auspicato che il congresso possa servire non solo a rinnovare il gruppo dirigente ad ogni livello ma anche come occasione per coinvolgere i circoli, e quindi gli iscritti e le iscritte, in un duplice lavoro di confronto e di valutazione per il rilancio del Partito dopo la sconfitta elettorale dello scorso 4 marzo. Un congresso vero, nel quale possano confrontarsi, con franchezza e passione, idee e proposte in vista degli importantissimi appuntamenti della prossima primavera con le elezioni europee e comunali e che sia l’avvio di una fase nuova e di una nuova classe dirigente.

L’assemblea ha infine votato la Commissione Congressuale, che avrà il compito di garantire e organizzare il percorso del Congresso sul territorio provinciale. Ecco i componenti della commissione (in ordine alfabetico):

– Giroletti Mauro

– Ottoboni Giorgio

– Pasquali Simona (Presidente)

– Rebessi Claudio

– Sogni Orestilia

Ecco il testo del regolamento congressuale provinciale approvato dall’assemblea all’unanimità: Regolamento congressuale PD Cremona

Elezioni provinciali: la lista “Insieme per il Territorio” si ripresenta

In vista delle elezioni per il rinnovo del Consiglio Provinciale di Cremona del 31 ottobre 2018, il gruppo “Insieme per il Territorio” (che nel consiglio uscente esprime 6 consiglieri provinciali su 12) ha deciso di presentare una propria lista, che vedrà come candidati amministratori locali espressione di tutti i territori della nostra Provincia.

Il progetto civico, nato con le elezioni provinciali di due anni fa a sostegno del Presidente Davide Viola (e che allora aveva ottenuto la maggioranza dei voti), si ripresenta quindi con la stessa volontà di unire esperienze civiche locali e le amministrazioni di centrosinistra delle città di Cremona e Crema. Più che la rappresentanza politica, però, l’obiettivo principale della lista è quello di dare ascolto al territorio e ai suoi temi prioritari. Una lista aperta e plurale, che nasce per unire i territori e cercare di dare risposte e soluzioni concrete alle tante tematiche che coinvolgono gli enti locali e i cittadini della nostra Provincia. Per questo motivo la sua composizione è rappresentativa della specificità geografica della nostra Provincia con sindaci e consiglieri comunali che conoscono bene i problemi e le realtà  territoriali da cui provengono.

I 12 amministratori locali della lista “Insieme per il Territorio”  sono così suddivisi: 4 candidati in rappresentanza della città di Cremona e del Cremonese, 4 per il Cremasco, 2 per il Casalasco e 2 per le Terre di Mezzo (Castelleonese e Soresinese). Garantita anche la rappresentanza di genere con la presenza in lista di 5 candidature femminili. Ecco la composizione della lista:

Azzali Rosolino – Sindaco di Corte de Frati

Barbaglio Roberto – Sindaco di Pianengo

Bergamaschi Angelo – Sindaco di Cicognolo

Bonaldi Stefania – Sindaco di Crema

Carniti Maria Chiara – Consigliere comunale di Castelleone

Cesana Maura – Assessore e consigliere comunale di Agnadello

Gagliardi Giovanni – Consigliere comunale di Cremona

Genzini Silvia – Sindaco di Pieve San Giacomo

Severgnini Alex – Sindaco di Capergnanica

Susta Virginia – Sindaco di Pessina Cremonese

Tascarella Calogero – Consigliere comunale di Casalmaggiore

Vairani Diego – Sindaco di Soresina

Si ricorda che, in base alla riforma delle Province del 2014, l’elettorato attivo e passivo spetta solo a sindaci e consiglieri comunali del territorio.

Treni, Matteo Piloni (PD) scrive ai sindaci “Il 23 ottobre tutti a Milano per chiedere attenzione e risposte per le nostre linee ferroviarie”

“Tenere alta l’attenzione e chiedere risposte, azioni e investimenti sulle linee ferroviarie della nostra provincia”. È l’obiettivo del consigliere regionale del Partito Democratico Matteo Piloni che ieri mattina ha scritto al presidente della Provincia di Cremona e ai sindaci di tutti i Comuni interessati, invitandoli a presenziare davanti al Pirellone martedì 23 ottobre alle 9, un’ora prima dell’inizio della seduta consiliare dedicata alla situazione ferroviaria regionale, durante la quale il presidente Attilio Fontana relazionerà in merito alle azioni che la Regione ha messo e intende mettere in campo e sulla quale si aprirà la discussione.

“La situazione ferroviaria dei nostri territori è drammatica e in questi mesi é ulteriormente peggiorata – scrive Piloni – Ritengo che si tratti di una vera e propria emergenza e che come tale andrebbe affrontata, ma purtroppo non è cosi. A questo punto, è necessario far emergere a gran voce le necessità del nostro territorio, manifestando il nostro dissenso e chiedendo risposte e attenzione”. Piloni conclude la missiva dicendosi certo che anche i colleghi delle altre forze politiche condivideranno questa proposta “perché questa partita va giocata insieme, nell’interesse del territorio”.

Bando periferie, Virgilio a Salini: “Logica di potere contro la città”

“Una logica di potere contro gli interessi della città”. E’ questa la risposta dell’assessore del Comune di Cremona Andrea Virgilio al commissario provinciale di Forza Italia Massimiliano Salini che, nonostante sia all’opposizione del governo gialloverde, si è schierato, insieme al suo intero partito, al fianco della Lega (in nome dell’unità del centrodestra) nel voto sul bando periferie, in difesa del provvedimento adottato nel decreto Milleproroghe sul congelamento dei fondi per la riqualificazione di San Felice.

Ecco la dichiarazione integrale di Andrea Virgilio, pubblicata sul quotidiano La Provincia il 3 ottobre 2018: